Nicole era bloccata nei rovi e infreddolita, il racconto degli uomini del Soccorso Alpino

È stata ritrovata dal Soccorso Alpino in buone condizioni di salute la bambina scomparsa da ieri a Sant’Angelo Limosano.Secondo una prima ricostruzione la piccola di anni cinque, si era allontanata da casa nella tarda serata di ieri facendo perdere le sue tracce. Da questa notte il Soccorso Alpino è intervenuto sul posto con squadre di terra per la ricerca di superficie e con una unità cinofila da ricerca molecolare.In mattinata il Soccorso Alpino, in accordo con la prefettura di Campobasso, ha allertato l’elicottero della Polizia di Stato di Pescara per una ricognizione aerea, in virtù di un protocollo operativo sottoscritto a livello nazionale dai due Enti.L’aeromobile giunto sul posto, è atterrato presso il campo sportivo di Sant’Angelo Limosano per prendere a bordo il personale del Soccorso Alpino. Due tecnici del CNSAS, opportunamente assicurati all’interno dell’aeromobile, si sono posizionati sui due lati del velivolo all’esterno sul pattino, in modo da avere migliore visibilità durante il sorvolo.All 11e40 l’elicottero è decollato e ha iniziato una ricognizione aerea a partire dall’abitazione della bambina. Durante il sorvolo, dopo circa venti minuti, uno dei due tecnici in osservazione sull’elicottero ha individuato la sagoma della bambina in un dirupo a circa 800 mt in linea d’aria dalla sua abitazione. Immediatamente l’equipaggio di condotta dell’aeromobile si è adoperato per atterrare in prossimità del punto di avvistamento. Una volta a terra i tecnici del Soccorso Alpino sono sbarcati e, con a seguito materiale sanitario per un eventuale primo soccorso, sono corsi dalla bambina che era bloccata da rovi in un dirupo in una zona particolarmente impervia. La bambina era in piedi e cosciente ma impossibilitata a muoversi per i rovi. Non con poche difficoltà i due tecnici sono scesi nel dirupo e hanno estricato la bambina dai rovi. Prendendola tra le braccia l’hanno riportata a monte del dirupo e, quindi, a bordo dell’elicottero anche con l’aiuto di un tecnico dell’equipaggio della Polizia.La bambina una volta a bordo è stata coperta con un telo termico e trasportata in volo al campo sportivo di Sant’Angelo Limosano dove era nel frattempo stato concordato l’arrivo di una postazione territoriale del 118. Una volta atterrati, la bambina, visibilmente scossa e infreddolita, è stata visitata a bordo dell’elicottero dal medico di guardia di Sant’Angelo Limosano e subito dopo è stata affidata dai tecnici del CNSAS ai sanitari della postazione territoriale del 118 che nel frattempo era giunta sul posto, per essere trasportata per accertamenti al Cardarelli di Campobasso.Si è conclusa a lieto fine la vicenda che ha tenuto tutti con il fiato sospeso.Un augurio di pronta guarigione da tutto il personale del Soccorso Alpino del Molise.