National Biodiversity Future Centre: firmato l’atto costitutivo. UniMol tra i 48 partner

Prende corpo un ambizioso progetto, la cui proposta è stata coordinata dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR).Con la firma dell’atto costitutivo nasce, infatti, il National Biodiversity Future Centre (NBFC), il Centro di ricerca che ha messo insieme una rete di 48 partner attorno al prioritario tema della biodiversità. Qui ne dà risalto il sito del CNR La proposta, che mira a mettere in campo la più poderosa iniziativa di ricerca e innovazione sulla biodiversità mai tentata in Italia, si fonda su virtuose sinergie tra Università, Organismi di Ricerca, Fondazioni e Imprese, scelti in base alla loro comprovata leadership scientifica, tecnologica, etica e di mercato.E dunque l’Università degli Studi del Molise è tra i 48 partner, quale riconoscimento per l’eccellenza delle attività di ricerca svolte sui temi della tutela, conservazione, monitoraggio e valorizzazione della biodiversità.