Museo Costumi: Collezione Scasserra lascia Provincia Isernia

Le opere della cosiddetta “Collezione Scasserra”, esposte al Musec, il Museo dei costumi della Provincia di Isernia, nei prossimi giorni lasceranno il luogo dove sono state esposte negli ultimi cinque anni. Lo annuncia Antonio Scasserra, proprietario della Collezione composta di costumi tradizionali e gioielli antichi molisani “Dal 2019 la Provincia di Isernia non ha provveduto al rinnovo della convenzione in essere – spiega Scasserra – dando soltanto e parziale adempimento alle obbligazioni assunte per i periodi precedenti e continuando a mantenere la materiale disponibilita’ della Collezione e la mia prestazione professionale”. Infruttuosi dunque si sono rivelati i tentativi di mediazione della Regione Molise, del ministro della Cultura, dell’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale, della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio del Molise. “La Provincia di Isernia – evidenzia ancora Scasserra – ha formulato una proposta meramente simbolica e oltremodo inadeguata, tenendo conto che si tratta di una delle Collezioni Etnografiche, unanimemente riconosciuta tra le piu’ importanti d’Italia, e anche in considerazione del fatto che con la Riforma Delrio ha perso le competenze in materia di cultura e turismo con la conseguenza del taglio dei relativi fondi”. Per questi motivi il proprietario della Collezione, dopo aver ottenuto, con il patrocinio degli avvocati Arturo Messere e Ferdinando Massarella, dal Tribunale di Isernia il decreto ingiuntivo per la consegna dei beni della Collezione, decreto divenuto irrevocabile dallo scorso mese di aprile, ha chiesto la riconsegna “che avverra’ – precisa lui stesso – con la collaborazione della Provincia di Isernia”. Quanto al futuro, si punta a spostare altrove l’esposizione: “La validita’ della Collezione lascia aperti importanti orizzonti per la sua valorizzazione e pubblica fruizione in altri contesti”.