Molise unica regione d’Italia con tutti i parlamentari in maggioranza

A Federico, Testamento, Ortis e Di Marzio dei 5 Stelle si aggiunge Giuseppina Occhionero di Leu che lascia i banchi dell’opposizione

Il Conte bis, partito ufficialmente ieri con la presentazione da parte del premier Conte della lista dei ministri, ha risvolti “interessanti” per la nostra regione. La prima notizia riguarda il fatto, e questa volta il primato potrebbe essere positivo, che il Molise sarà l’unica regione d’Italia ad avere parlamentari eletti tutti in maggioranza. A Federico, Testamento, Ortis e Di Marzio dei 5 Stelle che sono stati in maggioranza anche il primo governo Conte, si aggiunge Giuseppina Occhionero di Leu che lascia i banchi dell’opposizione. Una rappresentanza importante che dovrà far valere il proprio peso. E tra questo potrebbe esserci anche una piacevole sorpresa. L’onorevole Antonio Federico, infatti, è in odore di sottosegretariato. Potrebbe far parte del prossimo governo, ma al momento la partita dei sottosegretari non è ancora iniziata. Ci sono, però, delle possibilità che il campobassano possa occupare una delle caselle del prossimo esecutivo.

Intanto c’è già un pezzo di Molise nel prossimo governo. Il professore dell’Unimol Francesco Boccia è il nuovo ministro degli Affari Regionali. Boccia da anni è impegnato presso l’Università degli Studi del Molise, al momento è presidente della Scuola della Pubblica Amministrazione che fa capo all’Unimol. E proprio dall’Ateneo molisano sono giunti gli auguri a Boccia: «Le congratulazioni del Rettore, Luca Brunese, e di tutta UniMol a Francesco Boccia, docente di Economia aziendale al Dipartimento Giuridico, neo Ministro degli Affari regionali e delle Autonomie». Il Molise “perde”, però, Elisabetta Trenta che era legata in qualche modo al Molise dal momento che il marito è di Campobasso e spesso e volentieri è stata vista nel capoluogo di regione.

C’è poi l’esultanza dell’ex parlamentare molisano Danilo Leva per l’amico Roberto Speranza: «Una gioia immensa, un’emozione indescrivibile vedere mio fratello Roberto Speranza alla guida del ministero alla salute. Un risultato straordinario che riconosce l’impegno di quella generazione di ragazzi di cui ho fatto parte anch’io. La nostra storia caro Roberto. (Idem per Enzo Amendola, anche se sta con un altro partito ma siamo nati e cresciuti insieme)».

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com