Michele Montagano riceve la Croce al Merito dalla Repubblica Federale Tedesca

Era uno dei 600mila soldati italiani che si rifiutarono di collaborare con il nazifascismo dopo l’Armistizio del 1943

CAMPOBASSO. Michele Montagano (classe 1921) riceve l’Ordine al Merito della Repubblica Federale di Germania nel grado di Ufficiale (Verdienstkreuz 1. Klasse), conferito dal conferito dal Presidente della Repubblica Federale Frank-Walter Steinmeier. Il riconoscimento viene conferito al dottor Montagano «per il fondamentale contributo che ha dato alla comune cultura della memoria che è di grandissima importanza per le relazioni tra l’Italia e la Germania», si legge in una nota dell’Associazione Nazionale Reduci dalla Prigionia (ANRP) e dell’ambasciata della Repubblica Federale di Germania a Roma.

Michele Montagano era uno dei 600mila soldati italiani che dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 si rifiutarono di collaborare con nazionalsocialisti e fascisti, e per questo furono internati nei lager tedeschi, in condizioni disumane e 50mila di loro morirono durante la prigionia.

Nonostante la sua veneranda età continua il suo impegno instancabile per la memoria. incontrando studenti e cittadini in tutta Italia e non solo: è stato anche diverse volte in Germania per portare la sua testimonianza. È stato ospite d’onore all’inaugurazione del Memoriale per gli Internati Militari Italiani a Berlino-Niederscheoeweide insieme ai due Ministri degli Affari Esteri d’Italia e Germania. Michele Montagano è presidente dell’Associazione Nazionale Reduci dalla Prigionia (ANRP). La cerimonia privata di consegna avrà luogo il 17 dicembre nella residenza dell’Ambasciatore della Repubblica Federale di Germania, Villa Almone, a Roma.