Meeting della magistratura italiana a Capri

Dopo l’interruzione dello scorso anno per la pandemia, la magistratura italiana si è ritrovata a Capri per il tradizionale meeting di ottobre, organizzato dalla Scuola Superiore di Magistratura, in collaborazione con l’Università “Federico II” di Napoli, per trattare temi che sono ormai al centro del dibattito pubblico.

Lo scorso 8 ottobre, presso il Centro Congressi “Flora Caprense”, si è aperta la sessione dei Giudici del lavoro, con un’introduzione del Primo Presidente della Corte di Cassazione Piero Curzio e lo svolgimento di due tavole rotonde, la prima moderata dal Presidente della Sezione Lavoro del Tribunale di Genova Marcello Basilico, sulle prospettive della tutela dei diritti, anche alla luce delle previste innovazioni  dell’Ufficio del Processo, la seconda dallo scrivente, sul vorticoso sviluppo  di nuovi lavori, in particolare su piattaforma, in seguito alla pandemia, e sull’incidenza di quest’ultima sulla dinamica dei rapporti di lavoro. Le conclusioni sono state affidate al Giudice della Corte Costituzionale Giovanni Amoroso. Gli interventi saranno pubblicati sul prossimo numero della rivista “Notiziario di Giurisprudenza del lavoro” dell’ABI. 

Nella giornata successiva, presso la “Certosa di San Giacomo”, si è affrontato il tema cruciale della digitalizzazione della giustizia e della sua modernizzazione, in linea con i requisiti richiesti per il conseguimenti delle risorse del PNRR e, più in generale, con  gli obiettivi europei. Si sono succeduti interessanti interventi di magistrati, avvocati e docenti universitari, con un prolungamento pomeridiano incentrato sul versante della giustizia amministrativa e tributaria.

Per il distretto della Corte di Appello di Campobasso ha partecipato ai lavori di entrambe le giornate il Presidente del Tribunale di Larino Michele Russo.

Da precisare, infine, che ciascun  magistrato partecipante ha personalmente sostenuto le spese di viaggio, vitto e alloggio, senza alcun aggravio per lo Stato. 

                                                      (Daniele Colucci)