Magnolia, visite mediche per i #fioridacciaio

Non solo il lavoro fisico col preparatore Colagiovanni e tecnico con coach Sabatelli della prima squadra. Sono giornate intense in seno alla Magnolia Campobasso impegnata su più fronti nell’avvicinamento a quella che sarà la terza stagione consecutiva nel torneo cestistico di A2 femminile.

In queste ore, infatti, le cestiste rossoblù sono impegnate nelle tradizionali visite medico-sportive per l’idoneità agonistica. Quest’appuntamento rituale, in questa stagione, rientra in un discorso più complessivo di un accordo quadro a livello scientifico con l’Università degli Studi del Molise e l’Asrem. L’ateneo regionale, sotto l’impulso del neo rettore Luca Brunese e per il tramite del professor Germano Guerra, ha sviluppato un protocollo con l’azienda sanitaria regionale, dando vita ad un ambulatorio di medicina dello sport e dell’esercizio fisico presso l’ospedale Cardarelli.

Qui, nell’ottica di una sinergia a 360 gradi, Magnolia sarà società capofila dello sport al femminile con un programma di carattere scientifico che, in base anche a quelle che saranno le caratteristiche morfologiche delle singole giocatrici, individuerà eventuali fattori di rischio da eventuale sovraccarico di allenamento per rendere ancora più completo e mirato il lavoro che sarà portato avanti nel corso delle stagione da parte dello staff tecnico.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com