Magnastoria, la minoranza al sindaco: “Si assuma le responsabilità e conceda le autorizzazioni”

Alcuni consiglieri hanno inviato una Pec al primo cittadino di Isernia, Piero Castrataro, affinché possa permettere lo svolgimento dell’evento

La consigliera comunale Filomena Calenda e gli altri colleghi di minoranza hanno formalizzato al sindaco di Isernia una comunicazione Pec con la quale si chiede – a lui e alla giunta – di trovare una soluzione ad horas affinchè si svolga regolarmente il tanto atteso evento “Magnastoria”. I consiglieri “rilevato che Magnastoria è Comunità, è Storia. È passato e futuro… e che cenare sotto le nostre case e i nostri condomini è un mangiare all’aperto e basta, chiedono al primo cittadino, quale massima autorità di protezione civile, di assumersi le responsabilità utili a concedere le dovute autorizzazioni per lo svolgimento dell’evento.

Magnastoria era prevista venerdì 24 giugno ma, nella giornata odierna, i Vigili del fuoco hanno comunicato il mancato nullaosta all’evento per problemi relativi alla sicurezza. Il sindaco, interpellato, d’accordo con la giunta ha ufficializzato quindi l’annullamento dell’evento. Il problema sarebbe legato alla normativa che ha preso vigore, in particolare, dopo i fatti di Torino e che ha quindi aggravato l’iter burocratico per la realizzazione di alcuni tipi di festeggiamenti. Il fatto è – precisano e concludono le minoranze  – che la legge però esisteva anche tre anni fa quando invece ‘Magnastoria’ è stata regolarmente autorizzata e senza alcun problema”.