Lupi, è notte fonda. Il Latina sommerge di gol (4-1) un irriconoscibile Campobasso (VOTA SONDAGGIO)

Lupo spento e battuto a Latina. Qual è la ragione dell'involuzione delle ultime giornate?

Due punti nelle ultime quattro gare, con 27 gol sul groppone, un ruolino da peggior difesa del torneo acuìto dalla trasferta di Latina, che mette a nudo tutti i limiti di una squadra chiamata ora a reagire. Il Campobasso si perde, annaspa, va in spirale recessiva, accogliendo con realismo il primo vero momento di difficoltà nel campionato di serie C, mal digerendo il campo dei pontini, al cospetto di una squadra locale che ha indirizzato con merito tutti gli episodi di un confronto mai in discussione. A vincere, oggi, sono soltanto i quasi 350 tifosi al seguito della squadra. Dopo quattordici giornate giunge il primo esame approfondito per Cudini e i suoi ragazzi, risucchiati in zona playout: contro il Foggia di Zeman, domenica prossima, occorrerà ben altra grinta e concretezza. E c’è da gestire – qui il vero esame di maturità – l’umore di una piazza notoriamente ‘attratta’ dalla depressione dopo l’esaltazione e viceversa.

Notte fonda nel primo tempo. Cudini conferma il 4-3-3 della vigilia lasciando però in panchina Candellori per lasciare spazio a Tenkorang; confermato il trio offensivo formato da Emmausso, Rossetti e Liguori. Il Latina, con il suo 3-5-2 compatto, parte forte e lascia subito intendere di voler conquistare i tre punti con il coltello tra i denti, complice una classifica preoccupante. Al 7′ subito un grosso rischio per la porta rossoblù: Tessiore si libera di Ladu, entra in area e chiama al grande intervento Raccichini, bravo a respingere d’istinto. Sembra una grande giornata per il portiere del Campobasso, che cade invece nel palleggio al 18′, regalando un pallone a Carletti in un disimpegno (avviato da Fabriani) sulla carta facile. Il pasticcio è servito: l’attaccante riceve il regalo e insacca senza problemi. Il Lupo paga salatissimo il conto al tavolo dell’ingenuità, poi prova lentamente a scuotersi dopo la doccia fredda, riuscendo a produrre poco nonostante un palleggio reiterato. Il prezzo da pagare è il campo aperto in uno contro uno al pericolosissimo Sane, che al 43′, sul secondo pasticcio in situazione di piazzato a favore, si invola in contropiede verso la porta servito da Tessiore, non lasciando scampo a Raccichini, questa volta incolpevole. Il primo tempo opaco dei rossoblù è tutto in una buona trama orchestrata da Liguori al 46′: il cross è raccolto dalla testa di Tenkorang, rintuzzato sul più bello da Ercolano a una manciata di secondi dal riposo. Così non va.

Un pomeriggio sempre più nero. Tanta buona volontà – seppur confusionaria – nell’avvio di ripresa di un Campobasso ferito. Ciò che manca è lo sfogo nella manovra, un problema amplificato dal secondo giallo di un impreciso e falloso Bontà, rispedito negli spogliatoi anzitempo al 14′. E’ l’ennesimo segnale di un pomeriggio nerissimo, che Cudini prova quantomeno ad invertire senza esito con diversi cambi ravvicinati. Il copione non cambia e il cinismo del Latina paga totalmente. Al 66′, su calcio d’angolo, Sane salta indisturbato per il tris che spegne ogni speranza. Qui il Lupo ha il demerito di sfaldarsi, sfiduciato e senza brio, colpito ancora dallo stesso duo offensivo locale: Sane stavolta indossa i panni dell’assist-man, servendo Carletti che insacca senza particolari difficoltà. Il resto è al piccolo trotto. Il Campobasso non c’è e accetta lo scorrimento inesorabile del cronometro, fino a ridosso del novantesimo. Di Rossetti, in pieno recupero, il calcio di rigore che concede quantomeno il gol della bandiera. L’1-4 certifica il secondo ko consecutivo in esterna, stavolta amaro anche nella misura. le.lo.

Latina (3-5-2): Cardinali; De Santis, Sane (83’Mascia), Giorgini; Ercolano, Barberini, Tessitore (83’D’Aloia), Di Livio (72′ Marcucci), Esposito; Carletti (83’Rossi), Nicolao (65’Atiagli). A disposizione: Alonzo, Celli. Allenatore: Daniele Di Donato.

Campobasso (4-3-3): Raccichini; Fabriani, Magri, Dalmazzi, Vanzan (61’Pace); Tenkorang, Bontà, Ladu (72′ Persia), Emmausso (61’Parigi), Rossetti, Liguori (72′ Martino). A disposizione: Zamarion, Coco, Sbardella, Nacci, Candellori, De Biase, Giunta, Vitali. Allenatore: Mirko Cudini

Arbitro: Vergaro di Bari

MARCATORI: 18′ e 68′ Carletti, 43′ e 66′ Sane, 92′ Rossetti (rig) (C)

(in aggiornamento risultati e classifica)