Lettera al direttore – “Treno Campobasso-Roma 5.50am: il prezzo da pagare per una domenica in famiglia”

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un nostro lettore in merito ai disagi che continuano a sussistere lungo la tratta Campobasso-Roma.

“Molti molisani che lavorano a Roma e dintorni sono soliti servirsi del treno delle 5:50 del mattino per raggiungere la Capitale in tempo utile per la giornata di lavoro.
Un treno, il Minuetto del Molise, che, soprattutto il lunedì mattina, percorre la tratta Campobasso-Roma pieno di lavoratori al rientro dal weekend passato in famiglia.

Ma qual è il prezzo da pagare per una serena domenica tra le mura di casa?

Ultimamente il treno “lavorativo” delle 5:50 registra continui ritardi, dovuti a passaggi a livello inefficienti, controlli tecnici a treni che lo precedono, guasti, maltempo. Buona parte dei disagi è, dunque, imputabile non alla rete ferroviaria, per la quale la risoluzione dei disservizi implicherebbe ingenti ed utopici sforzi economici, ma a scarse o inefficaci manutenzioni.
Si aggiunga che all’interno del Minuetto i passeggeri subiscono anche le condizioni scoraggianti dell’unico servizio igienico presente il quale, nella sua “unicità”, meriterebbe ben altra considerazione da parte della ditta incaricata delle pulizie e da parte di Trenitalia medesima nella sua funzione di controllo, specie se si considera che deve servire fino ad un massimo di 150 persone circa.

Preoccupanti altresì le condizioni di discesa dal treno all’arrivo presso il binario 20-bis di Roma Termini dove, in attesa della nuova partenza del Minuetto nella direzione opposta (Roma-Campobasso delle ore 9:07) tra passeggeri in arrivo e in partenza, il “binario di mezzo” è affollatissimo e pericoloso, con alto rischio di cadere fortuitamente sulle rotaie dell’adiacente binario 19 mentre sopraggiungono altri treni.

Infine qualche dato. Il Gruppo Ferrovie dello Stato ha chiuso il bilancio 2016 con utili per oltre 700 milioni di euro ed un volume di investimenti miliardario.
La speranza, pertanto, è che per la chiusura del 2017 qualche risorsa in più venga destinata alla nostra amata Regione, quantomeno per garantire un viaggio confortevole e sicuro, seppur più lungo del previsto”.

 

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com