Leone alla carica: “Se andiamo ai playoff distruggiamo tutti”

Attivamente 2

“Campobasso ha ultras veri”. Una frase detta a fine partita, dopo il pareggio contro il Castelfidardo, subito dopo che il gruppo della Curva Nord Campobasso gli ha dedicato un coro. Danilo Leone era arrabbiato per l’arbitraggio, ma ha subito rilanciato per l’amore dimostrato dai ‘sempre presenti’. Ecco le parole del copresidente dopo lo 0-0.

Rammarico o rabbia? “Stiamo giocando grandi partite da almeno un mese e mezzo a questa parte ma purtroppo gli arbitraggi ultimamente ci sono sempre contrari. Contro Agnone, Francavilla, Castelfidardo. Domenica scorsa non ci è stato concesso un rigore su Balistreri netto, l’arbitro ci ha detto che non ha visto… Ci era stata assegnata una punizione sul finire del primo tempo e non ci è stata fatta battere. Siamo stufi di questa situazione che si ripete, se diamo fastidio abbiamo già detto che possiamo pure mandare in campo la juniores. È brutto lamentarsi, ma vedere sempre le stesse cose dà molto fastidio, noi vogliamo fare calcio, non aiuti, solo rispetto”.

La classifica dice che si è recuperato un punto sul quinto posto… “Abbiamo recuperato un punto sulla Vastese, è vero, ma dovevano essere tre… Non ho visto un Castelfidardo più forte di noi. A volte passo io per quello che voglio attaccare, ma io non ricordo tiri in porta da parte loro. Io ho visto solo il Campobasso in campo. Non ho niente da dire a questi ragazzi, che stanno combattendo”.

Forse si è difettato sotto porta, è d’accordo? “Un po’ di sfortuna, un po’ di imprecisione, e non siamo riusciti a metterla dentro, che poi nel calcio è la cosa più importante. Creiamo anche diverse occasioni”.

Crede nell’accesso ai playoff? “Se andiamo ai playoff li distruggiamo tutti… A livello societario siamo forti, la squadra è tranquilla, fisicamente stiamo bene, ci sono tutti gli ingredienti. È mancato il gol, ma non può succedere tutte le domeniche, tant’è vero che abbiamo fatto tanti gol tra San Nicolò, Monticelli, Fabriano. La difesa non ha fatto uno sbaglio, Danucci ha giocato da leader, Del Duca, Benvenga e tutti gli altri benissimo”.

La perdita di Augustus è pesante anche perché Balistreri gioca più per la squadra che per stazionare in area, no? “Balistreri fa un gioco molto di sacrificio. Se si analizza il gol manca un po’, ma se si vede il gioco lui è importante. È chiaro che venendo a mancare Augustus si perde profondità, assenza importante. Ma noi ci crediamo, e possiamo dire che senza la penalizzazione siamo a pari punti con la quinta. Per noi già è una vittoria a nove giornate dalla fine. Molti ci davano per morti a novembre, ma senza i danni della vecchia gestione staremmo nei playoff, a tre punti dal terzo posto. E sfido chiunque, al primo anno, con tutte le problematiche che ci sono state, a fare meglio. Abbiamo fatto tre campionati in uno: abbiamo sanato i debiti vecchi, la gestione degli ex dirigenti Turi e Pavarese e poi abbiamo fatto un altro campionato a dicembre. I nostri giocatori hanno già ricevuto l’80 percento di gennaio e alcuni anche febbraio. Mettetevi anche nei nostri panni, qualcuno pensa solo ad attaccarci”.

 

Attivamente 3

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli