Le sigarette elettroniche, pro/contro e le sue origini

di Leonardo Salvatore

Da qualche anno a questa parte è entrato in voga l’utilizzo della sigaretta elettronica. Molto usata dai fumatori che vogliono perdere il vizio, e dato più preoccupante, utilizzata soprattutto dai ragazzi tra i 12 e 18 anni. Sebbene sia “la tendenza del momento” la sigaretta elettronica non nasce in questo secolo, bensì nel 1963, quando un americano, Helbert A.Gilbert, rilasciò un brevetto per l’antenata della moderna e-cig. Sarà però un farmacista cinese, Hon Lik, che sfruttando una tecnologia a ultrasuoni, riuscirà a mettere sul mercato la prima sigaretta elettronica. Queste sigarette vengono utilizzate dalle persone che vogliono smettere di fumare e vogliono iniziare a “svapare”, termine molto usato tra i fumatori delle e-cig. Molti però non sanno che queste sigarette sono pericolose quasi quanto quelle normali: se le tradizonali sigarette rappresentano una delle principali cause di tumore ai polmoni, l’e-cig sembrerebbe essere responsabile di molti tumori alla lingua. Secondo le ultime indiscrezioni l’Estonia tasserà tutti i liquidi per le sigarette elettroniche, che costeranno 2$ ogni 10 millilitri, mentre per quanto riguarda i turisti, questi non potranno attraversare il confine con più di 20 millilitri di liquidi.