Larino, il ritorno alla “normalità” ai tempi della Fase 2

Bar, tabaccherie, edicola, negozi di vestiario, parrucchieri, barbieri ed estetiste – nel rispetto delle nuove norme – hanno predisposto al meglio le loro attività per consentire l’accesso ai cittadini. La nuova fase 2 è iniziata timidamente anche a Larino. E così hanno rialzato le saracinesche dal 18 maggio gran parte dei commercianti al minuto del paese.  Certo, molti non hanno ancora riaperto presi da una sorta di paura per l’attuazione delle nuove disposizioni. “Vietata l’approssimazione, non vogliamo sbagliare e rischiare una multa”, ha dichiarato un commerciante. Paura comprensibile, durante il lockdown comunque ha dovuto sostenere delle spese senza contare sulle entrate, non si vuole rischiare un’ulteriore perdita economica per la fretta. Erano stati proprio loro, i commercianti di Larino, che durante la fase 1 avevano riconsegnato simbolicamente le chiavi dei negozi al sindaco come forma di protesta civile e pacifica per ribadire le loro posizioni e chiedere interventi, anche a livello di governo cittadino, per poter riaprire in sicurezza. Nei prossimi giorni dovrebbero riaprire anche le attività di ristorazione e, a quel punto, potremo dire di essere tornati alla normalità. Una nuova normalità che ci accompagnerà per molto tempo.

                                                                                                                                 V K N

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com