L’americana Two Nil nuovo sponsor del Campobasso. Mercato: Cudini aspetta qualche innesto mirato

Il Campobasso prosegue il suo percorso di valorizzazione del brand attraverso l’esplorazione dei mercati internazionali. La società rossoblù a trazione americana potrà contare su una nuova partnership per la stagione 2021-2022: Twi Nil, società di consulenza per la crescita aziendale con sede a Los Angeles, è nuovo sponsor dei Lupi, con presenza sui pantaloncini della divisa che verrà. L’accordo – come si può ben intuire – è stato mediato e concluso dal nuovo socio americano Matt Rizzetta, che del Campobasso ha acquisito il 10% sposando con entusiasmo il progetto al fianco di Mario Gesuè.

“Si tratta di un passo importante – ha spiegato Gesuè – è fondamentale continuare a far crescere la nostra fanbase a livello globale, aumentare i ricavi per provare a raggiungere obiettivi sempre più ambiziosi in futuro”. Linea condivisa dalla società Two Nil. “Ci siamo subito trovati in sintonia con il club – le parole del fondatore della società Mark Zamurer – la missione è quella di rappresentare immigrati ed espatriati di tutto il mondo. Siamo entusiasti di tifare per il Lupo con loro e insieme a loro”.

Capitolo mercato: il calendario intenso impone innesti? Il rinvio con la Recanatese, e il recupero ancora da stabilire con la Cynthialbalonga (27 gennaio?) ha spinto la società rossoblù a fare delle riflessioni. Con un calendario particolarmente fitto potrebbero essere necessari alcuni interventi sul mercato per dare a Cudini una rosa ancora più profonda. Lo stesso tecnico non si è nascosto. “Sappiamo bene cosa fare – ha spiegato – dovessero presentarsi delle opzioni di caratura non esiteremo. La società è dello stesso avviso. Siamo attesi da una lunga serie di partite e potrebbe essere necessario avere un nutrito lotto di ricambi. Se mi aspetto rinforzi? Non acquisteremo tanto per acquistare – ha precisato – e non è corretto parlare di un singolo ruolo per intervenire. In caso di possibilità, ci faremo trovare pronti, altrimenti siamo a posto così”. L.L.