La storia infinita di una piscina mai finita

di Alessandro Barca

Campobasso. In sede Via Puglia è ubicata una piscina in stato di degrado e abbandono a cui è stata rivolta attenzione nei primi anni novanta, anni in cui sonoo iniziati i lavori di circa 3 milioni di lire. Dopo una nevicata che ne compromise la copertura, il cantiere venne abbandonato definitivamente. Nel 2016 il comune inviò per due giorni una squadra che ripulì l’area da rovi, alberi caduti e corpi in putrefazione di animali morti. Fin ora sono stati svolti due bandi di project financing ai quali però non partecipò nessuno. Oltre a questi propositi di recupero aperti ai pubblici è stato indetto, poco tempo dopo anche un bando per l’affidamento a privati.

Quest’edificio a seguito di un opera di ristrutturazione e messa a nuovo potrebbe diventare un nuovo punto di riferimento, nonchè gli potrebbe essere sottratto l’appelativo di ecomostro. Inoltre Campobasso disponendo solo di un’ altra piscina, quella comunale in esubero di iscritti, sarebbe ubicata in una posizione strategica che comprenderebbe le zone di: San Giovanni, Via Campania e il Cep.

Barca Alessandro (17/02/2017)