«La sanità merita attenzione alta», controlli del Nas in strutture ospedaliere e Rsa

«Riaprire non vuol dire abbassare la guardia, soprattutto in campo sanitario». Questa la strategia dei carabinieri del Nas, studiata dal Generale di divisione Paolo Carra, dal settembre 2020 alla guida di 1.100 militari specializzati nella tutela della salute. I militari del Nas, nelle scorse ore, hanno effettuato controlli a tappeto in tutta Italia (in particolare nelle case di riposo). Ovviamente anche il Nas di Campobasso ha effettuato i controlli disposti dal Comando centrale di Roma. I militari hanno passato al setaccio le strutture presenti sul territorio per verificare la presenza o meno di presunte irregolarità. «Fermo restando che medici, infermieri e farmacisti sono i veri protagonisti della lotta al Covid – ha detto il Generale Carra – l’attenzione deve restare alta». Un’operazione, quella dei militari del Nas, a 360°: negli ultimi tempi infatti sono stati anche “oscurati” 381 siti con server esteri; di questi ben 337 vendevano integratori antivirali senza evidenze scientifiche contro il Covid.