La sala espostiva del Circolo Sannitico intitolata al Maestro Fratianni

La proposta lanciata dall'Associazione Artisti e Talenti Molisani in occasione dell'inaugurazione della mostra-concorso "La Città di Campobasso"

CAMPOBASSO

Intitolare la sala espositiva del Circolo Sannitico di Campobasso al “Maestro” Domenico Fratianni. Questa è l’idea lanciata dal presidente dell’Associazione Talenti e Artisti Molisani, Michele Falcione, per onorare il compianto artista molisano scomparso un mese fa. «Un Maestro, un uomo di sport e di cultura che quotidianamente dispensava sorrisi e consigli non solo a chi voleva intraprendere iniziative culturali in favore di Campobasso e del Molise, ma anche ai suoi “amici di sempre” che lo accompagnavano nelle sue lunghe passeggiate, lungo il corso cittadino». Così Il presidente dell’Associazione in una nota e continua: «Ero molto legato al Maestro Domenico, con il quale ho condiviso alcune iniziative della nostra Associazione. Ricordo ancora quando gli chiesi di disegnare una bozza del volto di Papa Francesco che usammo per produrre dei foulards, in occasione di una udienza privata della nostra Associazione in Vaticano; fu l’artefice, inoltre, della prima scenografia digitale che presentammo in occasione di uno dei tanti eventi teatrali in beneficenza presso il Teatro Savoia; con una naturalezza e una disponibilità propria solo di chi e’ davvero un artista umile e di spessore, disegnò una bozza di uno dei luoghi più conosciuti della Città (la porta di S. Antonio Abate), che ci fu poi utile per allestire alcune scene della nostra commedia. Non mancava mai alle nostra iniziative, lo vedevo seduto in maniera discreta e attenta tra le prime file del Teatro, spesso mi dispensava consigli su come poter veicolare la cultura nella nostra Città; non era abituato a fare molte polemiche inutili, ma a proporre iniziative per il bene di Campobasso e dei suoi cittadini; questo suo modo di agire e’ stato sempre molto apprezzato dal sottoscritto perchè anche io sono sempre stato dell’idea che per raggiungere traguardi importanti bisognerebbe parlare meno e agire di più; l’idea di chiedere all’Amministrazione Provinciale di Campobasso di intitolare la sala espositiva del Circolo Sannitico, credo sia il minimo che potessimo fare per omaggiare oltre che una persona per bene, un grande artista con uno spiccato talento; nel corso della sua carriera artistica ha sempre dimostrato di avere genialità in quel che proponeva e i suoi risultati sono sempre stati sotto gli occhi di tutti; voglio ringraziare il Vice Presidente della Provincia di Campobasso, Simona Contucci, che in questo momento di vacatio amministrativa si trova a svolgere le funzioni di Presidente, i consiglieri Provinciali e le strutture dell’Amministrazione di Via Roma, che hanno curato l’iter amministrativo consentendo di fatto, che questa nostra idea possa essere realizzata; sono certo che l’intitolazione costituirà un momento di commozione per l’intera città».
Una prima data utile per la cerimonia di intitolazione potrebbe essere quella del 26 settembre prossimo, alle 18,30, in occasione dell’inaugurazione della mostra-concorso denominata “La Città di Campobasso” nei saloni espositivi del Circolo Sannitico.
Un’iniziativa ideata e promossa dall’Associazione Talenti e Artisti Molisani, in collaborazione con il Comune di Campobasso e l’Assessorato alla Cultura.
«Non una data casuale quella scelta, visto che la mostra avrà come tema la “Città di Campobasso” e quindi rappresenterà un momento importante per ricordare un grande artista, deceduto proprio nell’imminente inaugurazione di una delle sue tante mostre, nella Citta’ di Matera.
L’augurio e’ quello che il 26 settembre ci sia davvero l’intera cittadinanza, che potrà stringersi in un grande ed affettuoso abbraccio nei confronti di un artista di spessore, che ha lasciato un patrimonio culturale importante, che la Città ha il dovere di costruire e far conoscere alle future generazioni. La cultura, passa tramite importanti segnali di presenza come quello proposto dall’Associazione Talenti e Artisti Molisani che da oggi potrà ricordare il Maestro Domenico Fratianni – conclude la nota – in uno dei luoghi simbolo dell’arte di Campobasso, non con la semplice affissione di una targa, ma evidenziando quanto di prezioso egli ha lasciato alla Città di Campobasso».

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com