La differenziata spicca il volo. In due mesi raggiunto il 65 per cento

Forniti i primi dati della nuova gestione del porta a porta affidato alla Rieco

REDAZIONE TERMOLI

Dal 43% della fine 2018 al 65% registrato a febbraio 2019, con un raddoppio del conferimento di organico che è passato da 130 a 264 tonnellate mensili e un dimezzamento del secco residuo passato da 767 a 338 tonnellate mensili. E’ un primo bilancio più che positivo quello registrato dalla Rieco, la ditta che si è aggiudicata il nuovo servizio della raccolta differenziata a Termoli. Dopo un avvio problematico, come evidenziato dalla stessa ditta, durante il quale «ci siamo scontrati con una realtà dove il porta a porta era, di fatto, diventato quasi stradale con la presenza di cassonetti lungo tutte le strade e con i cittadini che conferivano in maniera quasi indiscriminata i rifiuti», questa mattina, in sala consiliare, sono stati forniti i dati relativi alla prima fase del servizio, quella considerata, di fatto, una start up. Dati che fanno riflettere e che parlano di un incremento di quasi 20 punti percentuali della raccolta differenziata in città. Se, infatti, le percentuali di raccolta nel triennio dal 2016 al 2018 avevano visto una diminuzione dall’iniziale 54% del 2016 al 45% della fine del 2018, i primi due mesi del 2019 hanno visto un incremento della percentuale di rifiuti conferiti che è arrivato a toccare il 65%. Una differenziata che ha visto Termoli da sempre “maglia nera” del Molise con conferimenti di rifiuti non conformi alla raccolta differenziata, sovrapproduzione della frazione del secco residuo («quella che arriva in discarica e che i cittadini pagano»), un abbandono «anomalo» di rifiuti per strada, batterie di contenitori per strada diventati ricettacolo di abbandono indiscriminato dei rifiuti e un calendario con solo 2 ritiri a settimana dell’organico. Di qui la decisione dell’amministrazione comunale di rimettere mano a tutto il servizio e di assegnare un nuovo bando per la gestione dei rifiuti. «E i miglioramenti si sono visti sin da subito», ha affermato il sindaco Angelo Sbrocca, al suo fianco l’assessore all’Ambiente, Filomena Florio, il dirigente del settore Livio Mandrile, il direttore della Rieco Sud, Angelo Di Campli, il coordinatore dei servizi Daniele Di Tonno, l’amministratore unico di Smaltimenti Sud, Gennaro Sassi e la responsabile della comunicazione Ivana Cappella. «Siamo molto contenti di queste percentuali – ha affermato il sindaco Sbrocca – e devo ringraziare oltre alla ditta anche la struttura e la cittadinanza perché ha capito perfettamente che fare più differenziata significa rispettare le leggi, l’ambiente e avere meno costi in bolletta». Sotto la lente anche la questione degli abbandoni anomali. «Assieme alla ditta abbiamo trovato 60 abbandoni anomali in giro per il territorio e sono stati tutti rimossi – ha proseguito Sbrocca – ma il nostro lavoro non si ferma alla pulizia ma dobbiamo sensibilizzare la cittadinanza». Un controllo e una sensibilizzazione che verranno fatti attraverso le Guardie Ecologiche che presto saranno scelte tramite bando e il Nucleo Ecologico della Polizia Municipale, oltre alle sei fototrappole che serviranno da deterrente. «Il 65% della differenziata è un grande successo. Il nostro obiettivo è quello di aumentare la raccolta che significa avere anche un minore costo in bolletta». L’obiettivo è quello di arrivare al 70% entro il 2019 «per iniziare ad avere delle percentuali importanti per una città grande come Termoli». E’ stato invece il presidente della Rieco, Di Campli, a fare il punto sulle iniziative future. «Siamo partiti da subito con la taggatura dei mastelli per iniziare a monitorare anche l’andamento nel conferimento dei rifiuti. Termoli era una realtà complicata, divisa in quattro zone. Di qui l’avvio della raccolta secondo la tipologia unica che ci permette di controllare l’attività degli operatori e della cittadinanza. Con il prossimo calendario di maggio abbiamo introdotto novità anche in base a delle richieste fatte dalla cittadinanza e dei ristoratori, con la raccolta dell’umido nei ristoranti la domenica mattina e dal primo aprile la raccolta di pannolini e pannoloni tre volte a settimana per utenze dedicate che rispettano dei requisiti. Noi non siamo fiscali vogliamo migliorare il servizio abbiamo fornito al Comune 6 fototrappole in dotazione alla Municipale che dovranno essere messa in uso per il controllo dell’utenza che abbandona il rifiuto sul territorio comunale».  

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com