Isernia, nessun apparentamento, Melogli chiede un accordo politico

Nessuno dei due candidati al ballottaggio ha stretto accordi con le liste del candidato perdente, Cosmo Tedeschi. La legge fissava alle 15 di ieri il termine per formalizzare eventuali accordi, ma il termine è scaduto senza che accadesse niente, se non una pioggia di indiscrezioni e notizie su un possibile accordo sul filo di lana tra Melogli-Tedeschi e Di Sandro, rivelatesi, alla fine, tutte voci infondate. Addirittura ieri sera Cosmo Tedeschi ha messo per iscritto, in un suo comunicato, l’indicazione ai suoi elettori del primo turno a votare liberamente, senza vincoli di sorta, al ballottaggio. Insomma, votate chi vi pare ha sostanzialmente detto Tedeschi, ribadendo che lui continuerà a chiedere, presumibilmente come consigliere comunale di minoranza, la realizzazione della piscina, la revoca del Pos e il ritorno dell’università a Isernia, che poi erano i baluardi del suo programma elettorale. Da registrare, poi, la lettera con cui Melogli ha chiesto a Iorio, Di Sandro e Tedeschi di formalizzare, al di là di un apparentamento oramai impossibile, un accordo politico di tutto il Centrodestra, per impedire al Centrosinistra di conquistare il comune di Isernia. Nella sua lettera Melogli si impegnava anche a rendersi parte attiva, a livello regionale, per il superamento di incomprensioni e divisioni politiche, incompatibili con la ritrovata coesione dell’area di Centrodestra a Isernia.
Una lettera, però, che finora ha ricevuto una sola risposta, quella negativa di Tedeschi che ha scelto di non dare indicazioni di voto per il ballottaggio. Per quel che riguarda Iorio e Di Sandro, ovvero Fratelli d’Italia, fino a questo momento, ancora nessuna posizione ufficiale, anche se si rincorrono le voci su una possibile indicazione di voto in favore di Melogli da parte del partito di Giorgia Meloni.