Inquinamento, 28 sforamenti in due mesi: è allarme a Venafro

Inquinamento Pm10 a Venafro, valori abnormi che continuano a superare tutti i limiti. Si pensi che, dal 1° gennaio fino al 27 febbraio, la centralina Venafro 2 ha sforato per ben 28 volte il valore limite di 50 milligrammi di Pm10. 28 volte in due mesi, quando il limite è di 35 sforamenti in un anno. Siamo oltre ogni limite. Per questo c’è stato il nuovo decreto urgente del presidente della Regione Molise che vieta fino al 25 febbraio 2021, il passaggio per via Colonia Giulia dei veicoli di massa a pieno carico superiore alle 6,5 tonnellate. La regolamentazione della circolazione dei mezzi pesanti, stando al decreto del presidente Toma, costituisce un “valido strumento per alleviare, sia pur in maniera parziale e non definitiva, i livelli di inquinamento nella piana di Venafro e le conseguenze sulla salute pubblica, nell’attesa di completare i percorsi di adeguata conoscenza scientifica in corso a cura del Cnr di Pisa”. Lo scorso 30 gennaio, infatti, a seguito dei superamenti dei livelli soglia di Pm10 la Regione, di concerto con gli enti territoriali interessati e con l’Arpa, in un incontro presso il Comune di Venafro, aveva deciso di intensificare il monitoraggio e controllo della qualità dell’aria della piana, anche con l’ausilio di mezzi mobili, al fine di indagare puntualmente e per un periodo significativo di tempo, le possibili fonti emissive degli inquinanti e avere elementi probanti per una strategia di risoluzione.

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com