Il Tricolore e l’inno d’Italia per ricordare Falcone, l’iniziativa della Montin

Si affacceranno dalle proprie abitazioni per sventolare il Tricolore al canto dell’Inno di Italia. E’ questa l’iniziativa che vedrà coinvolti anche gli alunni e le famiglie dell’Istituto Comprensivo Montini di Campobasso in vista dell’anniversario della morte del giudice Giovanni Falcone, della moglie e degli uomini della scorta. Si tratta di una iniziativa importante che cade in un momento particolare per la vita dell’Italia stravolta dall’emergenza Covid.

«Data: 23 maggio 1992, ore 17:57:48, strada di Capaci (Palermo), 5 morti:  Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, e 23 feriti.

Vista la emergenza che stiamo vivendo – afferma il dirigente scolastico della scuola di Campobasso Agata Antonelli – la scuola italiana si è fatta promotrice, data la grande importanza delle idee e dell’esempio di Falcone e Borsellino, di una iniziativa che non relegasse nel dimenticatoio la ricorrenza del 23 maggio. Sono stati tanti i momenti, prima e dopo il Covid-19, in cui gli alunni dell’ Istituto Comprensivo “Montini” si sono cimentati, hanno prodotto materiali e riflettuto sulla legalità e sui martiri della giustizia.

Le celebrazioni, che in altri anni si sono tenute con la Nave della legalità e con commemorazioni all’aperto, quest’anno assumeranno necessariamente una forma diversa. La Nave diventerà “virtuale” e, nel corso della giornata del 23, la Rai parlerà delle storie di uomini e del loro “coraggio di ogni giorno”, mettendo in evidenza come degli italiani si siano messi al servizio del Paese in uno dei momenti più complessi della sua storia, seguendo l’insegnamento che ci hanno lasciato uomini come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, i quali ripetevano quanto era importante nella legalità che ciascuno facesse la propria parte fino in fondo.

Su questo argomento, come ogni anno, anche quest’anno l’Istituto Comprensivo “L. Montini” si è attivato e si attiverà con manifestazioni sia proprie che dirette dal Ministero delL’ Istruzione. Sono il culmine di un percorso educativo irrinunciabile. Durante l’anno scolastico è stato redatto un numero speciale del giornale della scuola,  “ Il Montiniano” , diretto dalla professoressa Maria Pece, dedicato interamente ai temi della legalità e alle personalità che maggiormente ne hanno difeso i valori, tra questi Peppino Impastato. La IV C a tempo pieno della scuola primaria Giovanni Paolo II, guidata dalle  docenti  Enza Bozzuto   e  Maria Rosaria Serpone   ha ricevuto un riconoscimento speciale, la cui premiazione sarà differita, per aver partecipato al Concorso nazionale in Prima edizione “Il fumetto dice NO alla mafia” – Premio Attilio Manca. A completare l’impegno profuso, sabato prossimo, 23 maggio, alle ore 17:58, gli alunni e le famiglie dell’Istituto – come suggerito anche dalla Fondazione Falcone – si affacceranno ai balconi delle proprie abitazioni per sventolare il tricolore al canto dell’Inno d’Italia. Nello stesso istante – distanziati e in massima sicurezza, nella sede centrale dell’istituto, in Via Giovannitti, davanti alla “Magnolia  di Falcone”, piantata dalla scuola a ricordo dei valori che  rappresenta da sempre il giudice – verrà eseguito al violino dal professor Matteo Iannaccio “ Il Silenzio”,   alla presenza della dirigente scolastica Agata Antonelli, all’assessore all’ istruzione del Comune di Campobasso e alla referente per la legalità Nicoletta Di Niro. La speranza è che ciò che è stato tolto alla nostra società dall’illegalità sia restituito ad una società più giusta. Allora sì, quel sangue che ancora reclama giustizia non sarà stato versato invano».

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com