Il tour de force del Campobasso inizia sul campo della Paganese: è scontro salvezza

Anticipo al sabato, preludio alla serie di partite ravvicinate che molto diranno sul futuro immediato del Campobasso e dei suoi obiettivi. Al “Torre” di Pagani contro la Paganese (calcio d’inizio alle 17,30, in concomitanza con larga parte del girone C della terza serie) i Lupi di Cudini se la vedranno con una diretta concorrente per la salvezza, che insegue a quattro lunghezze di distanza in classifica generale.

Lo scoglio di domani offusca legittimamente anche la serie di match in arrivo (martedì sera a Selva piana, aprirà le danze la big Monopoli) se non altro per il peso dei punti in palio. Vincere consentirebbe di allungare pesantemente sui campani, mettendo in cassaforte uno spicchio di salvezza. Forse anche qualcosa in più, spinta psicologica compresa.

Le assenze pesanti. I rossoblù arrivano alla sfida con il morale rinfrancato dalle ultime prestazioni, ma devono fare i conti con qualche assenza di troppo causa ben tre squalifiche (Menna, Persia, Tenkorang) e più di qualche acciaccato (Dalmazzi, Merkaj su tutti). Cudini dovrebbe restare fedele al 4-3-3, con Rossetti pronto a tornare dal primo minuto, alla ricerca di un gol pesante che ricordi quello della gara d’andata. I circa 200 supporter al seguito del Campobasso incrociano le dita. le.lo.