Il Senato affossa il Ddl Zan, non passa la legge contro l’omofobia. Tu cosa ne pensi?

Il DDL Zan, che prevede di estendere le pene previste per i reati dl razzismo anche agli atti di discriminazione o violenti per motivi fondati sul genere, sull'orientamento sessuale o sull'identità di genere, sarebbe stata una legge utile?

La bocciatura è arrivata per il tramite della “tagliola” che era stata chiesta dalla Lega e da Fratelli d’Italia e ha scatenato una lunga serie di reazioni social da quelle di Fedez e di Chiara Ferragni che da tempo stanno appoggiando il provvedimento, a quelle degli attivisti come Francesca Pascale, ex Forza Italia. Il ddl Zan è stato bocciato dal Senato. Ventitrè voti hanno affossato la legge con il centrosinistra che era sicuro di avere 149 voti sulla carta, ma due si sono astenuti e 16 senatori sono passati con il centrodestra. Quindi si è finiti 154 a 131, rapporti invertiti rispetto alla partenza teorica prevista dalle forze in campo. Dal Pd accuse ai renziani. Una votazione che potrebbe avere pesanti ripercussioni anche sulla tenuta della maggioranza e che arriva come una batosta alla legge sull’omotransfobia. La votazione contraria, avvenuta con modalità segreta, è stata accolta in aula con un lungo applauso da parte dei senatori che hanno votato contro il decreto legge.

Si chiude così un capitolo della vita politica e sociale italiano che è durato per mesi. Il ddl Zan, che prende il nome dal suo creatore, il deputato del Pd Alessandro Zan, avrebbe previsto l’inasprimento delle pene contro i crimini e le discriminazioni contro omosessuali, transessuali, donne e disabili. Una proposta che ha acceso il dibattito pubblico in Italia e ha esacerbato le divisioni del parlamento e di tutto il mondo politico. In base al testo i reati collegati all’omofobia sarebbero equiparati ai reati contro il razzismo e l’odio su base religiosa punendo con la reclusione fino a 4 anni le discriminazioni basate sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità. La legge Zan è rimasta per diversi mesi ferma a causa dell’ostruzionismo della Lega, che ha sempre sostenuto che la nostra costituzione già sancisca questi reati. Fino alla votazione di oggi che l’ha ufficialmente affossata.

Abbiamo voluto realizzare un sondaggio totalmente anonimo per verificare quello che è il sentiment della popolazione rispetto ad un tema che ha diviso l’opinione pubblica dentro e fuori dai social, da chi ne ha fatto una battaglia politica a chi, invece, la voleva trasformare in una sociale. (foto in alto e in home page fanpage.it)

VOTA IL SONDAGGIO NELLA PARTE SUPERIORE DELL’ARTICOLO