Il Perosi porta in città musicisti di fama mondiale

Stagione concertistica dei Docenti del Conservatorio

E’ un programma intenso e coinvolgente quello del concerto di domani, venerdì 3 maggio, alle 18,30, ospitato nella bella e prestigiosa rassegna della Stagione Concertistica dei Docenti del Conservatorio Lorenzo Perosi. A dare vita alle immortali note di Mahler, Schumann e Brahms ci penseranno in primis i due artisti ospiti, la violinista giapponese Yoé Miyazaki, formatasi artisticamente tra Tokio e Parigi ed attualmente residente a Ginevra, e il violoncellista rumeno Constantin Negoita, primo violoncello della Filarmonica Bernese. Ad affiancare i due prestigiosi ospiti del Conservatorio due docenti, Silvio Di Rocco alla viola, concertista di fama internazionale, componente e Presidente del famoso complesso I Musici, e il pianista Marco Grisanti. oggi considerato uno dei più raffinati cameristi italiani, con un repertorio ricco di oltre trecento brani eseguiti in pubblico al fianco di celebri artisti quali Uto Ughi, Felix Ayo, PaoloGhidoni. Il programma sarà aperto dall’esecuzione del bellissimo Quartetsatz di Gustav Mahler, composto nel 1876 quando il sedicenne Gustav studiava al prestigioso Conservatorio della “Gesellschaft der Musikfreunde” di Vienna. Pur trattandosi di un lavoro giovanile, frutto di un solo anno di studi di composizione, il Quartettsatz rivela una notevole padronanza di tecniche compositive. L’uso della Forma Sonata e la raffinata scrittura pianistica dimostrano la confidenza di Mahler col grande repertorio per pianoforte, da Beethoven a Schubert, Chopin, Schumann e Brahms. Ed è proprio l’influenza brahmsiana quella che si percepisce con chiarezza nel tema di apertura del movimento, lirico e ben equilibrato, così come la raffinata elaborazione tematica dello sviluppo rivela una notevole disinvoltura e inventiva ed uno stile già originale, tanto da anticipare il clima espressivo della prima produzione cameristica di Schönberg. E’ nel 1840 che, quasi improvvisamente, appare nella produzione schumanniana una fioritura di lieder veramente sorprendente. Non meno sorprendente è però l’improvvisa produzione di opere strumentali da camera che, con rapidità incredibile, fiorisce l’anno seguente: i tre Quartetti dell’op. 41 sono composti in poco più di cinque settimane, il Quintetto Op. 44 è composto in poco più di sei giorni e solo cinque ne richiede il Quartetto Op. 47. Due anni prima, Liszt aveva scritto al compositore consigliandolo di dedicarsi alla creazione di musica da camera poiché era facilmente prevedibile che ben presto il pianoforte sarebbe divenuto un mezzo espressivo «troppo limitato per lui». Schumann aveva allora 31 anni e non aveva ancora composto musiche strumentali d’insieme: seguì il consiglio, spinto anche da un impulso interiore, ma non seppe però rinunciare definitivamente al pianoforte. Dopo i tre Quartetti per archi, ecco apparire il Quintetto e il Quartetto, pagine dove l’intensa vena romantica, dalla quale partorisce l’incredibile bellezza dell’Andante eseguito al concerto, viene dominata da un consapevole e rigoroso uso delle tecniche contrappuntistiche, ispirate dalla conoscenza delle immortali opere di Bach e di Beethoven. A chiudere la serata il Quartetto in sol minore Op.25 che fu composto da Brahms nell’estate del 1861. La prima esecuzione avvenne il 16 Novembre dello stesso anno nella sala dei concerti di Amburgo, con Clara Schumann che sedeva al pianoforte. In questa prima esecuzione l’accoglienza sia del pubblico che della critica fu davvero benevola mentre successivamente a Vienna, con l’autore al pianoforte, il Quartetto sollevò qualche riserva per l’austera severità e profondità del sentimento, che lo fece ritenere da alcuni troppo accademico. Naturalmente erano i primi strali più o meno velenosi lanciati dall’agguerrita critica viennese contro Brahms, il quale avrebbe dovuto aspettare molti anni per essere definitivamente consacrato nel gotha dei più grandi musicisti di tutti i tempi.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com