Il Consiglio di Stato ‘blinda’ il finanziamento da 20 milioni di euro al Comune di Pietrabbondante

I giudici di Palazzo Spada hanno confermato il parere del Tar Molise, che aveva già rigettato il ricorso del Comune di Castel del Giudice, secondo classificato al bando “Attrattività dei Borghi”

Può tirare un sospiro di sollievo il comune di Pietrabbondante: resta il finanziamento di 20 milioni di euro previsto dal Pnrr per il bando “Attrattività dei Borghi”.

Dopo che il Tar Molise aveva già rigettato il ricorso proposto dal Comune di Castel del Giudice, secondo classificato, anche il Consiglio di Stato ha rigettato la richiesta di sospensiva cautelare. Il sindaco Antonio Di Pasquo esprime soddisfazione per la pronuncia dei giudici di Palazzo Spada che “consentirà a tutti gli enti interessati di procedere spediti con i successivi atti amministrativi che porteranno alla realizzazione di importanti interventi di valorizzazione del piccolo borgo molisano che tra l’altro ospita un sito archeologico famoso in tutto il mondo”.

Il primo cittadino ringrazia inoltre i legali che hanno assistito il Comune nella vicenda, Vincenzo Iacovino, Vincenzo Fiorini e Marco Scarano.

“Sono riusciti a dimostrare, in una materia nuova, delicata e specialistica, quale i finanziamenti del Pnrr – afferma il sindaco – la legittimità dell’azione amministrativa e dell’operato del Comune di Pietrabbondante”.