Il Campobasso sulla prestigiosa rivista statunitense Forbes. E domani riparte il campionato: c’è la Vastese

Dopo l’ingresso di Matt Rizzetta e della North Sixth Group, prosegue la campagna di marketing e di crescita del brand da parte del Campobasso Calcio. Che l’America potesse diventare il nuovo canale preferenziale, era chiaro a tutti fin dal giorno della presentazione e dell’acquisizione del 10% delle quote societarie. Dalle parole, però, si è passati rapidamente ai fatti, ricalcando la già lodevole condotta di Mario Gesuè e della proprietà, artefici di una rinascita societaria che ha saputo persino piegare le resistenze dei più scettici, cosa per nulla scontata dopo il ventennio avaro di soddisfazioni per i colori rossoblù.

Ecco dunque un Campobasso raccontato da Forbes, la prestigiosa rivista statunitense che pesca a piene mani nella finanza e negli investimenti. La recentissima partnership con Italian Football Tv aveva già svelato piani e sogni per un 2021 da prima della classe, dentro e fuori dal campo. E l’obiettivo è presto detto: avvicinare ai Lupi gli emigrati che vivono all’estero, renderli parte integrante di un progetto ambizioso fatto di passione e tanta voglia di calcio. “I nostri valori fondanti sono sacrificio, duro lavoro e passione – si legge nell’articolo approfondimento di Forbes, che riporta le ambizioni dei nuovi soci a stelle e strisce – non importa da dove vieni: se ti rivedi in questi valori, ti vogliamo come nostro fan”.

Domani si torna in campo: il Lupo ricomincia da Vasto. La sosta (e le buone notizie provenienti sul fronte societario) sono servite a generare ulteriore fiducia nell’ambiente e nel gruppo a disposizione di mister Cudini. Domani all’Aragona di Vasto contro la Vastese riprende il cammino con il biglietto da visita più incoraggiante: la vetta della classifica.

Non presenta particolari defezioni l’organico (Vitali sconta il terzo e ultimo turno di squalifica), mentre dall’altra parte del campo ci sarà una formazione in crisi di risultati ma da non sottovalutare. In tal senso, uno scatto emotivo potrebbe giungere dalla nuova guida tecnica, il molisano D’Adderio, alla sua prima assoluta. Un Campobasso fin qui perfetto tra le mura amiche, proverà a sistemare un ruolino da trasferta stranamente povero per una capolista che vanta il miglior attacco di tutta la serie D. I punti incamerati lontano da Selvapiana sono infatti 4, frutto di un successo ad Aprilia, un pari a Castelfidardo e una sconfitta sul campo del Castelnuovo Vomano. Troppo pochi per chi vuole definitivamente spiccare il volo e lanciare un altro segnale al campionato. Le.Lo.