Il Campobasso con la sua gente per la salvezza aritmetica: Vibonese e gran pubblico a Selva piana

L’esclusione del Catania dal campionato lascia tranquilli i Lupi ancor prima di giocare. Ma c’è una sfida da vincere per festeggiare la permanenza in C

Citta in fermento per l’ultimo (si spera) atto rilevante del campionato, quello che dovrà consegnare la salvezza aritmetica al Campobasso, protagonista di una C frizzante e per lunghi tratti spettacolare, come testimonia il saldo gol fatti-subiti. Ad onor del vero, la conquista dell’obiettivo è in cassaforte prima ancora di scendere in campo, vista l’esclusione dal campionato del Catania, notizia che già circolava da alcuni giorni e divenuta ufficiale proprio a ridosso della giornata numero trentasei.

Vincere sul campo, tuttavia, ha un sapore sempre diverso. Ecco perché gli appelli in vista del match di domani con la Vibonese (h. 14,30) si sono sprecati. Biglietti in forte saldo (curva a 5 euro, donne 1 euro), penultima uscita interna, avversario ancora vivo ma che non spaventa i più, gli ingredienti principali della domenica rossoblù. E i tifosi, non in ultimo, che non hanno fatto mancare il proprio apporto anche attraverso l’affissione di striscioni eloquenti in città: “Tutti allo stadio” lo slogan reiterato ed efficace, senza fronzoli, lanciato ad una piazza che nelle ultime settimane si è fatta notare molto meno al botteghino.

Quale occasione migliore per invertire la tendenza e festeggiare (si spera, parte due) la tutela del patrimonio della terza serie nazionale? Con Campobasso-Vibonese potrebbe chiudersi un altro cerchio, l’ennesimo obiettivo raggiunto dall’attuale proprietà. Che fin qui non ha sbagliato un colpo. le.lo.