I tentacoli della mafia Garganica arrivano a Isernia

L’operazione Friends è lo sviluppo dell’operazione White Rabbit portata avanti contro il clan dei Rom lo scorso marzo

L’operazione Friends, con i 24 arresti della Dda di Bari, era stata preceduta nel marzo di quest’anno dall’operazione White Rabbit, della Mobile di Isernia che, per prima, aveva scoperto i collegamenti tra il clan dei Rom di Isernia a capo dello spaccio cittadino e i fornitori pugliesi di Lucera. La novità venuta fuori era che i Rom isernini avevano abbandonato la rotta per Scampia supercontrollata dalle Forze dell’Ordine. I collegamenti con la Puglia sembravano più sicuri e i rifornimenti venivano fatti nel Gargano. Ora la Dda di Bari arrestando il Rom isernino Guido Sarachelli, di 63 anni, ha confermato le intuizioni della Polizia isernina che già a suo tempo aveva arrestato i figli Armando e Mario con l’operazione White Rabbit. Nel blitz delloa Dda coinvolti anche altri due molisani: Andrea Marino, 27 anni di Termoli, e Cristina Barbetti, 24 anni di Guglionesi. Guido Sarachelli è accusato di aver acquistato in più occasioni da taluni individui – legati alle famiglie malavitose garganiche – quantitativi di sostanze stupefacenti destinate poi a rifornire il mercato dei consumatori della provincia isernina, aspetto quest’ultimo emerso anche per altri reati analoghi per i quali tre degli odierni prevenuti erano già stati tratti in arresto dalla Squadra Mobile di Isernia in seno all’operazione “White Rabbit”.