I monumenti pentri rivivono grazie al riuso creativo

Cucine store header

l monumento ai caduti di piazza Tullio Tedeschi realizzato con i tappi in sughero, l’orologio del campanile di San Pietro della cattedrale ricreato utilizzando un vecchio Cd, la fontana Fraterna ricostruita con le scatole delle merendine: sono solo alcuni dei bellissimi lavori realizzati dagli studenti isernini delle scuole medie nell’ambito del progetto ‘Ricicl’Arte’.

Iniziativa, promossa dall’azienda ‘Smaltimenti Sud’, in collaborazione con il Comune di Isernia e con le scuole, che aveva quale obiettivo quello di sensibilizzare le giovani generazioni al riuso dei materiali di scarto. Il progetto, portato avanti nel corso dell’anno scolastico, si è concluso con la mostra delle opere create dai ragazzi, visionabili da ieri e per una settimana nella bellissima cornice del complesso monumentale di Santa Maria delle Monache. Prima dell’inaugurazione dell’esposizione, al piano superiore dell’ex convento si è svolta la presentazione del progetto e delle sue conclusioni. Ad illustrare quanto fatto, alla presenza delle scolaresche, del sindaco di Isernia Giacomo d’Apollonio, del prefetto Fernando Guida e degli esponenti della Giunta comunale, sono stati gli stessi studenti che hanno lavorato a ricreare i monumenti di Isernia utilizzando materiale riciclato. Come preannunciato dall’assessore comunale all’ambiente, Domenico Chiacchiari, quella appena conclusa è “solo la prima di diverse iniziative che riguarderanno le possibili sinergie fra il Comune e il mondo della scuola.

L’idea progettuale è stata quella di educare le nuove generazioni ad una corretta cultura del riciclo, spingendoli a creare piccole opere che avessero quale tema le antichità della nostra città. Desideriamo educarli al rispetto del territorio e dei luoghi dove vivono”. Carmen D’Antonino, della Smaltimenti Sud, ha aggiunto: “Ricicl’Arte è stato un laboratorio fondamentale, perché ha consentito agli alunni di Isernia di apprendere la pratica del riuso creativo. Si tratta di un progetto che la Smaltimenti Sud ha reputato molto qualificante, giacché ha inteso far comprendere ai giovani l’importanza del riciclo attraverso la creazione di cultura”.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli