I consiglieri festeggiano ma i molisani sono stremati: un brindisi perbene alla fame

Ieri mattina i festeggiamenti in consiglio regionale. Greco: «Il collante della maggioranza è rappresentato dai soldi»

Ieri mattina i consiglieri regionali, mentre il popolo è alla fame, hanno pensato bene di festeggiare il Natale dopo non aver tentato nemmeno di risolvere un solo problema in questi 6 mesi di legislatura. I lavoratori ex Ittierre sono allo stremo e attendono il pagamento della mobilità in deroga, ma dal governo Toma hanno ricevuto solo promesse. E mentre il popolo è alla fame i signori del Palazzo, senza un briciolo di dignità, hanno pensato bene, ieri mattina, di stappare spumanti e tagliare panettoni. All’interno di Palazzo D’Aimmo. E sabato parteciperanno in massa al concerto di Natale presso l’Auditorium di Isernia. Ma riceveranno il benvenuto dagli ex lavoratori dell’Ittierre. Ai quali in questi mesi hanno promesso mari e monti. Per poi abbandonarli e lasciarli alla fame.

Si è sottratto ai festeggiamenti il capogruppo del Movimento 5 Stelle Andrea Greco. «Buon Natale? La maggioranza di centrodestra in Consiglio regionale è alla canna del gas dopo appena sei mesi. C’è però un elemento che fa da collante: i soldi. Ogni volta in Aula – ha commentato Andrea Greco – la “maggioranza” si spacca sui temi e i Consiglieri votano in maniera differente. I molisani sono finiti nelle grinfie della peggior accozzaglia di correnti partitiche mai vista prima. Si scannano puntualmente tra loro, mettendo all’ultimo posto i problemi dei cittadini. Dopo mesi e mesi di attesa, i nostri atti vengono ignorati, calpestati, denigrati. Quegli atti che sono espressione dei cittadini che rappresentiamo. Hanno ignorato il problema del grave dissesto di Civitacampomarano, ma sono stati tutti pronti a correre sul posto a farsi fotografare al grido di: “Il Molise resiste”. Hanno ignorato la nostra interpellanza sul piano degli interventi sull’emergenza sisma in Basso Molise. Hanno ignorato la richiesta di eliminare i commissari delle comunità montane, nomine politiche che ci costano 8000 euro al mese, solo per liquidare enti tecnicamente morti. Hanno ignorato la richiesta di bloccare l’ampliamento della discarica di Tufo Colonoco. Questi e tanti altri atti vengono ignorati da mesi. Ciò significa che vengono ignorate da mesi le esigenze dei cittadini molisani ai quali questi signori negano le dovute risposte. In tutto ciò, sono stato invitato dalla presidenza del Consiglio regionale a un buffet per scambiarci gli auguri di Natale. Io non sono ipocrita, quindi proprio non riesco ad essere presente, non riesco a conformarmi a tanta ipocrisia. Non voglio gli auguri, esigo prima di tutto rispetto per noi e per i cittadini che rappresentiamo nelle istituzioni. Passerò il Natale in famiglia, come sempre, senza ipocrisia e senza finte strette di mano e, nei prossimi giorni, – ha concluso Andrea Greco – gli auguri li faremo ai cittadini molisani con uno splendido regalo».

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com