Gli sviluppi di El Salvador relativi a Bitcoin e le previsioni di Bukele

Nayib Bukele, il Presidente di El Salvador, è un forte sostenitore di Bitcoin. Oltre ad avere adottato la valuta digitale come moneta a corso legale nel suo Paese, ha fatto una serie di previsioni positive sul mondo delle criptovalute e sui loro movimenti per il 2022.

Questioni che hanno riguardato l’influenza di Bitcoin sulla politica, il suo sviluppo nei Paesi e il prezzo a cui sarebbe arrivato durante l’anno, che Bukele aveva rivelato in un tweet del 1° gennaio 2022. Secondo i suoi calcoli Bitcoin avrebbe raggiunto i 100.000 dollari. La cosa certa è che ha sbagliato tutte le ipotesi.

Il prezzo di Bitcoin

Ad oggi, sappiamo che tutto ciò che aveva predetto non si è avverato. Intanto, il prezzo massimo raggiunto da BTC è stato di circa 47.500 dollari. Poi, è stato un calo continuo.

Ma Bukele non ha ceduto e ha continuato la sua strategia di acquisto di Bitcoin per le casse di El Salvador. Al presidente non va certo spiegato come comprare Bitcoin, mentre possiamo rimandare i lettori interessati alla guida presente su Cryptofacili.com.

Un’altra previsione riguardava il fatto che il Bitcoin sarebbe diventato un importante punto nella campagna elettorale statunitense del 2022. Sebbene le questioni relative alla madre delle valute digitali abbiano fatto parte del panorama politico e normativo degli Stati Uniti durante l’anno, soprattutto dopo il recente crollo di FTX, il pronostico non è stato centrato.

St. Kitts e Nevis: Bitcoin Cash legale entro marzo 2023?

Inoltre, il Presidente salvadoregno aveva affermato che altri due Stati avrebbero adottato Bitcoin come moneta a corso legale. Ma anche questo, non è diventato realtà.

Tuttavia, St. Kitts e Nevis, lo stato insulare dell’America centrale che corrisponde a un piccolo arcipelago formato da due isole delle Piccole Antille, ha annunciato che avrebbe esplorato la possibilità di rendere legale Bitcoin Cash (BCH) entro marzo 2023.

Nello specifico, il primo ministro Terrance Drew ha recentemente dichiarato, nell’ambito della Bitcoin Cash 2022 Conference tenutasi nel paese, che la sua introduzione potrebbe succedere solo quando riuscirà a garantire la salvaguardia per il paese e per i suoi cittadini. Inoltre, ha affermato che, come Bitcoin Cash, allo stesso modo verranno esplorate anche le attività minerarie.

Drew ha spiegato che il suo paese è consapevole dei possibili vantaggi che porterebbe l’adozione di una criptovaluta come moneta a corso legale. E poi, ha aggiunto che molte aziende dell’isola accettano già Bitcoin Cash come metodo di pagamento.

Rolando Brison, membro del parlamento di St. Maarten, ha evidenziato i vantaggi che Bitcoin Cash come moneta a corso legale potrebbe portare al paese e come semplificherebbe le procedure per riscuotere gli stipendi in quella criptovaluta.

Bitcoin City

L’altra parte delle predizioni fatte da Bukele aveva a che fare con questioni più specifiche del El Salvador. Inclusa la parte delle obbligazioni Bitcoin Volcano Bonds, ovvero i titoli di stato emessi dal governo supportati da Bitcoin per realizzare la cosiddetta Bitcoin City.

Si tratta della città geotermica e favorevole all’estrazione della crypto, che sarebbe dovuta iniziare l’anno scorso, ma che non è accaduto.

A gennaio 2022, Bukele ha annunciato che stavano perforando diversi pozzi geotermici per garantire l’energia necessaria per far funzionare la città. Tuttavia, l’emissione di obbligazioni non è avvenuta nell’anno appena passato, poiché, secondo il ministro del Tesoro Alejandro Zelaya, ci sono stati dei rinvii causati dal conflitto Russia-Ucraina e dalla caduta del mercato delle criptovalute. In aggiunta, l’exchange di criptovaluta Bitfinex riceverà una licenza per condurre e quotare l’emissione delle obbligazioni in El Salvador.

A tal proposito, a settembre, anche il CTO di Bitfinex, Paolo Ardoino, ha asserito che questi bond sarebbero stati ulteriormente ritardati perché le leggi a supporto dell’emissione non erano ancora pronte. Vero è anche che, qualche giorno fa, l’Assemblea legislativa di El Salvador ha approvato una legge sull’emissione di risorse digitali, aprendo così ufficialmente la strada alle obbligazioni Bitcoin sostenute dal presidente.

In conclusione, El Salvador puntava a diventare un hub per Bitcoin, ma è evidente che ha scelto il momento sbagliato. Chissà che il 2023 possa essere un anno più fortunato per il presidente Bukele.