Futuro sempre più roseo per la Fiat di Termoli

Si è parlato di sviluppo industriale per i prossimi cinque anni e delle prospettive per lo stabilimento della Fca di contrada Rivolta del Re a Termoli nel corso del direttivo della Fim Cisl che si è tenuto ieri mattina proprio nella città bassomolisana. Quella di Termoli è una delle realtà che stanno risultando essere maggiormente produttive all’interno del gruppo Fiat.

Una produzione in aumento che oltre a portare alla conferma dei 2500 lavoratori fissi, alla riduzione pressoché totale della cassa integrazione, all’arrivo di 500 interinali, ha dato anche possibilità lavorative per 150 operai arrivati direttamente da Melfi grazie all’aumento di produzione del motore 8 valvole. Un momento di positività che fa ben sperare in vista della presentazione, il prossimo 1 giugno, del piano industriale quinquennale. La previsione, quindi, è quella di una piena occupazione che si potrebbe legare necessariamente anche all’aumento di produzione dei motori a benzina che, per Termoli, significano ancora maggiore occupazione e lavoro. “Ci aspettiamo che nel piano industriale vengano lanciati i modelli che ancora non sono stati lanciati in questi anni – ha affermato Riccardo Mascolo, segretario regionale della Fim-Cisl – significherebbe per Termoli dire la sua considerando che noi serviamo le carrozzerie”. Insomma lo stabilimento di Termoli potrebbe essere decisamente attenzionato nel futuro piano industriale di Marchionne che ha anche confermato il raggiungimento degli obiettivi per il 2017-2018 con un raddoppio degli utili entro il 2022.

Il tutto in un momento in cui la Fim-Cisl si appresta a vivere il rinnovo delle Rsa degli stabilimenti. “La Fim in Molise da sempre – ha affermato Mascolo – è la prima organizzazione ma oggi dobbiamo confermare quello che siamo stati in questi anni, non ci sentiamo secondi a nessuno. La nostra uniformità di politica sindacale sul territorio regionale e nazionale è stata sempre improntata a una conoscenza, capacità e trasparenza nei confronti di chi rappresentiamo. La nostra campagna sarà quella di confermare quello che siamo e che abbiamo fatto”.

 

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli