Furti d’auto e in casa: ecco come sono aumentati in soli tre mesi

Durante la conferenza stampa di questa mattina, mercoledì 22 marzo, si è accennato anche all’escalation delle truffe sempre in provincia di Campobasso. In questo caso i Carabinieri hanno specificato che gli autori provengono quasi sempre dal versante campano

Questa mattina, mercoledì 22 marzo, presso il Comando provinciale dei Carabinieri di Campobasso il colonnello Luigi Dellegrazie ha tenuto una conferenza stampa che si è concentrata principalmente sull’escalation di furti di auto e in abitazioni avvenuti nei primi tre mesi dell’anno. Si tratta di dati ufficiali che derivano da denunce presentate presso i vari comandi disposti su tutto il territorio provinciale. Il fenomeno è in forte recrudescenza. Aumentano gli episodi sia a Campobasso che nei centri limitrofi. Il Colonnello ha tenuto a precisare che per quel che riguarda i furti perpetrati a Campobasso e nei centri dell’hinterland, questi vengono eseguiti da criminali principalmente provenienti dal versante foggiano, più in particolare da Lucera. Mentre per quelli eseguiti a Termoli e in Basso Molise i crimali provengono dai centri afferenti a San Severo. Il Colonnello ha poi spiegato che le auto maggiormente a rischio furto appartengono a tre tipologie: Fiat Panda, il suv Jeep e Fiat 500. Si tratta di auto accomunate dalla stessa elettronica che fa gola al mercato nero. Durante la conferenza stampa è stata più volte rimarcata l’importanza della denuncia e soprattutto delle segnalazioni, nei piccoli centri, di auto o persone sospette.