Formare nuove figure professionali per la difesa dell’Ambiente

Parte il nuovo corso di formazione delle Guardie Ecozoofile

Formare nuove figure professionali per ampliare il numero di risorse umane impegnate nella salvaguardia e nella tutela dell’ambiente molisano. Questo l’obiettivo che si prefigge il corso di formazione delle Guardie Ecozoofile organizzato dalla Sezione Provinciale di Termoli dell’Associazione Nazionale Protezione Animali Natura e Ambiente (A.N.P.A.N.A), che scatterà sabato prossimo 8 febbraio 2020. Il corso – il secondo di questo genere in ordine temporale sotto l’egida dell’A.N.P.A.N.A di Termoli dopo quello del 2017 – prevede 100 ore di lezione nel complesso su argomenti pertinenti la tutela ambientale e la corrente legislazione in merito. Esperti qualificati renderanno edotti i corsisti su quali siano le norme e le leggi in tema di caccia, pesca, protezione animali, ritrovamento e trasporto di animali feriti. E inoltre verranno insegnate le norme sulla raccolta di funghi e tartufi, sulla vigilanza ittica, la normativa Cites e, ovviamente, i compiti delle Guardie Particolari Giurate (L.189/2004) e il funzionamento della Polizia Giudiziaria e Amministrativa, nonché le leggi sanitarie. Le lezioni si terranno ogni sabato presso la sala parrocchiale della chiesa “Santa Maria degli Angeli” sita a Termoli in contrada Difesa Grande, gentilmente messa a disposizione dal parroco Mons. Gabriele Morlacchetti. Al termine del corso, la preparazione dei corsisti verrà verificata con un esame sostenuto sia in forma scritta che orale. Coloro che risulteranno idonei si fregeranno del titolo di Guardia Particolare Giurata, divenendo effettivi quando presteranno giuramento nelle mani del Prefetto di Campobasso dopo l’avvenuta comunicazione da parte della Provincia di Campobasso, come accaduto recentemente per le Guardie formatisi nel corso tenuto nel 2017. Per l’ennesima volta, l’A.N.P.A.N.A di Termoli dimostra tutta la sua operosità per la difesa del bene comune e dell’ambiente. Rammentando che non abbiamo a disposizione un pianeta “B”, quindi va salvaguardato quello in cui viviamo.

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com