Festa nazionale delle Pro Loco molisane, Cotugno: «Il vostro, un ruolo fondamentale» (VIDEO)

L'intervista al presidente nazionale dell'Unpli Antonino La Spina

REDAZIONE
ISERNIA

Il turismo e l’economia molisana passano soprattutto per lo sviluppo delle pro loco. È quanto emerso dalla Festa Regionale delle Pro Loco molisane, organizzata dall’Unpli e di scena oggi nella splendida e suggestiva cornice del Santuario Maria Santissima Addolorata di Castelpetroso. Dopo la santa Messa che ha aperto la giornata di lavori, spazio al confronto tra i diversi attori che operano nel settore turistico, intervenuti nel corso di un convegno dal tema “Il ruolo delle Pro loco nella promozione dello sviluppo turistico della Regione Molise”. Tra i relatori il governatore, Donato Toma e l’assessore al Turismo e alla Cultura, Vincenzo Cotugno che ha detto: «Poche settimane dopo il mio insediamento all’Assessorato al Turismo e alla Cultura, ho voluto incontrare i vertici dell’Unpli. Con Simone Di Paolo e Marina Paglione, c’è stata subito intesa su progetti ed iniziative da mettere in campo per il futuro. La prima iniziativa concordata e voluta fortissimamente da entrambi è stata proprio questa: la Prima festa regionale delle Pro Loco, qui a Castelpetroso. Perché questa festa? Per festeggiare Voi volontari delle Pro Loco…donne, uomini, giovani che da decenni portate avanti la storia e le tradizioni del Molise. Il Vostro – ha continuato l’assessore regionale al turismo – è un ruolo fondamentale, siete i “conservatori” del patrimonio storico del nostro Molise..Una Festa solo per voi era il minimo che potessimo immaginare per celebrare degnamente il vostro operato quotidiano.
Le sfide che ci attendono per il futuro sono importanti e, perché no, molto ambiziose! In questi mesi abbiamo alzato l’asticella della qualità degli eventi, con una comunicazione mirata sulle principali manifestazioni regionali, credendo che il Molise abbia molto da offrire al mercato globale del turismo. Abbiamo coniato uno slogan..uno slogan che ci deve appartenere e che dobbiamo sentire nostro: TURISMO E’ CULTURA. Abbiamo emanato un bando con lo stesso titolo, mettendo a disposizione del territorio 1 milione e 800 mila euro, affinché, per la prima volta, la Regione Molise cofinanziasse le manifestazioni.
Sapete quante domande sono arrivate in assessorato? Ben 160..per un importo totale di 9 milioni di euro di progetti. Straordinario!
C’è un solo pensiero che possa spiegare tutto ciò: i molisani hanno capito che la Regione ha cambiato passo e che il Turismo rappresenta l’unica possibilità di far crescere la nostra economia, oltre che la nostra conoscenza nel panorama nazionale e internazionale.
Il vostro straordinario impegno sarà fondamentale per reggere le basi del nostro progetto, che a breve, vedrà concretizzarsi con la presentazione del Piano Strategico del Turismo e della Cultura.
Stiamo girando in lungo e in largo la regione, siamo giunti al sesto degli otto tavoli tematici in programma: oltre 800 persone si sono messe a lavoro, coordinate dall’Unimol e da Sviluppo Italia Molise, per dare idee, progetti e visioni alternative affinché il Molise compia finalmente quel salto di qualità che tutti si aspettano.
Il 20 maggio chiuderanno gli Stati Generali!
Qui, a Castelpetroso, luogo, come ho detto prima, per me simbolo della rinascita turistica della regione Molise. E permettetemi, in questa sede, di dare il giusto merito al nostro rettore della Basilica minore di Castelpetroso, Don Massimo Muccillo. Sotto la sua guida questo luogo sacro, cosi caro alla nostra terra, ha ripreso ad essere un punto di riferimento per il turismo religioso di fuori regione.
Grazie Don Massimo, per la tua opera quotidiana e per quanto stai facendo per il nostro Molise! Come detto, il 20 maggio chiuderanno gli Stati Generali. Non vi nascondo che l’attesa è tanta…vogliamo iniziare a lavorare con un Piano concreto, efficace e capace di rispolverare quell’immagine del Molise per troppo tempo tenuta nascosta.
Affianco al Piano Strategico presenteremo il Testo Unico del Turismo in Molise, che vada a riordinare l’intera materia, con un testo normativo snello, chiaro e soprattutto rispondente alle esigenze del territorio.
Il ruolo delle Pro Loco? Imprescindibile.. senza di Voi, Voi che siete le sentinelle del territorio, Voi che siete i custodi della memoria, Voi che siete innamorati più di chiunque altro della nostra storia, il nostro Piano Strategico non avrà efficacia!
Per questo una dovrà essere la parola d’ordine: CONDIVISIONE!
Dobbiamo fare rete, aiutarci reciprocamente ognuno per le sue funzioni.
Solo con un gioco di squadra efficace riusciremo a vincere la partita più importante, quella che un’intera regione attende da anni e che per motivi a me sconosciuti, le istituzioni regionali nel passato non hanno voluto giocare!
Insieme – ha chiosato l’assessore Cotugno – con il vostro entusiasmo e con i nostri progetti, sono certo il Molise sarà prendersi il ruolo che merita, portando a conoscenza del panorama nazionale e internazionale le sue eccellenze, la sua unicità, l’ORGOGLIO DI ESSERE MOLISANI!
Viva le PRO-LOCO! Viva il MOLISE!»
Per l’Unpli, presenti il presidente regionale, Simone Di Paolo e il presidente nazionale, Antonino La Spina. Quest’ultimo, ai nostri microfoni, ha sottolineato come in tutta l’Italia l’indotto economico generato dalle Pro loco è di circa un miliardo di euro. A fare gli onori di casa, invece, il presidente della Pro loco di Castelpetroso, Vincenzo Notte.

IN EVIDENZA, L’INTERVISTA AL PRESIDENTE NAZIONALE DELL’UNPLI ANTONINO LA SPINA