Extracomunitari clandestini scoperti ed espulsi

I due erano ospiti dell'ex Cat di Macchia d'Isernia ma non avevano ottenuto lo status di rifugiato

Casale rosa 1/2

Nelle ultime settimane, su disposizione del Questore di Isernia Roberto Pellicone, il personale dell’Ufficio Immigrazione della Questura ha intensificato i controlli presso alcune strutture che ospitano chiedenti asilo.

In occasione di un controllo effettuato nei giorni scorsi presso una struttura di Macchia d’Isernia (ex CAT), gli agenti hanno riscontrato la presenza di due giovani, uno di nazionalità nigeriana e l’altro senegalese, giunti in questa provincia nel 2016, per i quali sembrava ultimato l’iter giurisdizionale per il riconoscimento dello status di rifugiato. Gli agenti hanno approfondito la posizione dei due cittadini extracomunitari, accertando che la Commissione Territoriale di Campobasso aveva negato loro il riconoscimento della protezione internazionale o sussidiaria e che il Tribunale Ordinario di Campobasso aveva rigettato i rispettivi ricorsi. Pertanto, i due erano di fatto clandestini sul territorio nazionale. Nei loro confronti, è stato emesso decreto di espulsione del Prefetto di Isernia e, in attesa di dare esecuzione allo stesso, il Questore di Isernia ha emesso immediatamente l’ordine a lasciare il territorio nazionale entro 7 giorni. Proseguono, intanto, i controlli della Polizia per verificare la posizione giuridica degli stranieri soggiornanti nella Provincia.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli