Estate da “capogiro” per il Museo dei Misteri: oltre 8mila visitatori giunti da 18 regioni d’Italia

Nonostante per il secondo anno di fila non abbiano sfilate per le vie della città, è stata un’estate speciale per i Misteri di Campobasso. Che hanno ampliato il loro “raggio d’azione”, giungendo alla conoscenza di quasi tutte le regioni d’Italia. C’è stato un vero e proprio boom di visitatori al Museo dei Misteri di Campobasso giunti da ben 18 regioni d’Italia. Oltre 8.000 presenze da quasi tutte le regioni, mancano all’appello – riferisce l’Ansa Molise – solo quelli della Valle d’Aosta e Sardegna. Dallo scorso 3 maggio, giorno della riapertura dopo lo stop forzato causa Covid-19, il Museo dei Misteri di Campobasso ha fatto registrare numeri da capogiro.

Tra luglio e settembre il boom di presenze, sempre su prenotazione e nel rispetto delle norme anti Covid, di numerosi gruppi organizzati, famiglie, coppie o singole persone e tanti molisani. “Anche per il mese di ottobre – fa sapere all’Ansa Giovanni Teberino dell’Associazione ‘Misteri e Tradizioni’ – ci sono prenotazioni di numerosi gruppi. La speranza – aggiunge – è quella di poter tornare a organizzare mostre ed eventi come nel periodo pre Covid-19 e veder sfilare di nuovo i nostri Misteri per le vie della città in occasione della ricorrenza del Corpus Domini.” Intanto domani, 3 ottobre, alle 9:30 il Museo sarà visitato da un gruppo di turisti di Udine.

Dunque un’estate importante per la tradizione più importante e amata del Molise. E siamo certi che alla prossima uscita, si spera nel 2022, le strade di Campobasso saranno invase da migliaia di turisti che arriveranno da tutta Italia.