Esplosione. Stazionarie le condizioni della 39enne, scatta gara di solidarietà per i coniugi senza casa

La Vespa

MATRICE. Prognosi riservata, condizioni stazionarie, i medici la tengono precauzionalmente in coma farmacologico e domani potranno diramare un bollettino più dettagliato sul quadro clinico che resta comunque complesso. Stiamo parlando della signora Monica, la 39enne che nel primo pomeriggio di lunedì è rimasta gravemente ferita a causa dell’esplosione di una bombola di gpl mentre si trovava nella casa di contrada Casone Pacca, in piena campagna a qualche chilometro in linea d’aria dal centro abitato di Matrice. E’ ricoverata al Centro Ustioni del Policlinico universitario di Bari dove gli specialisti stanno facendo di tutto per scongiurare complicazioni dato che le ustioni sono molto estese sul corpo. Madre di famiglia, moglie esemplare, gran lavoratrice, Monica non era sola al momento dell’esplosione, c’erano altri familiari al piano inferiore ed è stato un miracolo che non siano rimasti feriti a loro volta. Ma ora, oltre alle sue condizioni fisiche, preoccupa anche un altro fatto molto importante. I suoceri di Monica, che sono i proprietari dello stabile, sono rimasti di fatto senza casa dato che il crollo parziale l’ha resa praticamente inagibile. Ieri pomeriggio i Vigili del fuoco sono tornati in contrada Casone Pacca per cercare di recuperare effetti personali dei proprietari che al momento sono sistemati in alloggi di fortuna.

L’articolo integrale sull’edizione cartacea de ‘Il Quotidiano del Molise’ in edicola domani. 

 

 

 

 

 

La Vespa

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli