Elezioni sindaco Isernia, Cinque Stelle aperti ad alleanze

Elezioni comunali di Isernia. Dovrebbero essere in programma per maggio-giugno, ma più di qualcuno parla di uno slittamento a settembre causa Pandemia. Conunque sia, i primi a far sentire la loro voce sono stati i rappresentanti del Movimento Cinque Stelle che non andranno più da soli, una novità già preannunciata a livello nazionale, ma che a Isernia troverà una delle sue prime applicazioni. L’idea è quella di presentare una lista col proprio simbolo, ma alleandosi anche con altri movimenti, comitati e associazioni per tentare di strappare Palazzo San Francesco al Centrodestra. Insomma un’alleanza civica trasversale in grado di essere competitiva vincendo. Intanto il gruppo locale degli attivisti, coordinato da Monaco e Bottiglieri, ha cominciato a definire i dettagli della composizione della lista ed è alla ricerca di candidati credibili, non di personaggi che vogliano fare i cosiddetti salti della quaglia. “È noto già da tempo – spiegano Fabrizio Ortis e Rosa Alba Testamento – che il simbolo del M5S sarà presente sulla scheda elettorale delle prossime elezioni amministrative ed è stata già annunciata, all’inizio dell’estate scorsa, la possibile apertura ad alleanze con chiunque voglia spendersi per il bene di Isernia e intenda condividere idee e progetti nell’esclusivo interesse della città”. Il dialogo nei mesi scorsi è stato aperto a tutte le forze della società civile, ai comitati, alle associazioni e alle rappresentanze di categoria, al fine di costruire un percorso comune che riesca a far superare anni di immobilismo che hanno afflitto la città, risollevandola da un degrado che pare inarrestabile. Alle prossime elezioni i pentastellati isernini potranno contare sia sull’appoggio della nutrita rappresentanza dei portavoce in Consiglio regionale, sia sui rappresentanti in Parlamento. Una “filiera” politico-istituzionale che apre il collegamento diretto con il Governo nazionale. Un rapporto dal quale non si potrà prescindere per il necessario sostegno ai tanti progetti che già sono stati inseriti nel programma elettorale. “La città di Isernia – concludono Ortis e Testamento – non merita di essere svenduta e presa in giro, per l’ennesima volta, da trasformisti ed esperti di salti della quaglia. Per questo motivo il M5S di Isernia è sempre pronto ad accogliere chi vorrà partecipare attivamente a questa sfida che attende la città nella prossima primavera, nell’ottica della condivisione e della trasparenza”.