Ecco i vincitori del Premio Paci

Volge al termine la settima edizione della collettiva d’arte svoltasi all’auditorium

ISERNIA. Ai titoli di coda la settima edizione del Premio Paci, la collettiva d’arte svoltasi presso l’auditorium “Unità d’Italia” di Isernia. Intanto la giuria composta da Massimo Sterpetti (presidente dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Isernia), Berardo Montebello (titolare della Respirart Gallery di Giulianova) e Claudio Mogliotti (titolare delle Residenza d’Artista “La Tavola di Migliandolo”) ha premiato gli artisti Graziano Pompili, Nino De Luca e Francino ai quali rispettivamente sono stati assegnati i seguenti premi: acquisto di mille euro, la personale presso la Respirart Gallery di Giulianova e la Residenza Artistica presso “La Tavola di Migliandolo”. Giunto alla sua settima edizione sempre con la formula del premio, il Paci è oggi tra le più importanti rassegne di arte contemporanea in Molise. L’edizione 2019 è a cura di Gioia Cativa e Carmen D’Antonino, con il patrocinio del Comune di Isernia e della Regione Molise. Quest’anno il concept che ha informato il tema scelto è stato: “L’Arte che incontra il Territorio”, un argomento già parzialmente discusso l’anno scorso nell’incontro dedicato all’Arte Ambientale di Franco Summa spiegata da un ospite d’eccezione come l’architetto internazionale Franco Purini. «Ultimi giorni per il Paci 2019 che terminerà domenica 3 novembre – ha spiegato il direttore artistico Antonio Pallotta -. Decisamente positivo il riscontro in termini di presenza e eventi collaterali associati, durante i quali si sono succeduti autorevoli relatori fra docenti accademici, architetti, e personalità dalla spiccata sensibilità artistica e intellettuale. Un modo per rendere trasversale la cultura non solo intesa come veicolo di mera conoscenza ma come abitudine all’incontro e alla discussione, di apertura verso l’altro e il differente. Un modo per arricchire il palinsesto culturale della città di Isernia».

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com