Donna-coraggio, Tina Montinaro a Campobasso: così combatto la mafia (video)

Moglie di Antonino Montinaro, poliziotto caposcorta assassinato durante l’attentato di Capaci al giudice Falcone il 23 maggio 1992. L’accoglienza alla Scuola Allievi della Polizia di Stato di Campobasso. Ricordato anche l’agente molisano Giulio Rivera assassinato durante il rapimento Moro

Una visita dall’alto valore simbolico presso la Scuola della Polizia di Stato “Giulio Rivera” di Campobasso. Accolta col massimo degli onori Tina Montinaro, moglie di Antonino Montinaro, poliziotto e caposcorta assassinato il 23 maggio 1992 a Capaci in Sicilia.

Un attentato di stampo terroristico – mafioso compiuto da Cosa Nostra per uccidere il magistrato antimafia Giovanni Falcone. Gli attentatori fecero esplodere un tratto dell’autostrada A29, alle ore 17:57, mentre vi transitava sopra il corteo della scorta con a bordo il giudice, la moglie e gli agenti di Polizia, sistemati in tre Fiat Croma blindate. Oltre al giudice, morirono altre quattro persone: la moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato, e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Vi furono 23 feriti, fra i quali gli agenti Paolo Capuzza, Angelo Corbo, Gaspare Cervello e l’autista giudiziario Giuseppe Costanza.

Ad accogliere la signora tina Montinaro, il Questore di Campobasso, Giancarlo Conticchio, la direttrice della Scuola di Polizia, Valeria Moffa e il sindaco di Guglionesi, Mario Bellotti in rappresentanza del paese che diede i natali a Giulio Rivera, da cui prende il nome la Scuola di Polizia di Campobasso, poliziotto assassinato durante il rapimento di Aldo Moro assieme al resto della scorta.
Presenti alla cerimonia di questa mattina 29 aprile anche gli studenti del Liceo Artistico Statale Giacomo Manzù facente parte dell’Istituto Mario Pagano di Campobasso, accompagnati dai docenti delle Arti Figurative, Prof.ssa Antonella Ciaramella e Prof.ssa Carmen Del Russo. Questi ultimi realizzeranno un murales sulla parete prospiciente il piazzale d’Armi dell’Istituto di Istruzione raffigurante l’eroe molisano Giulio Rivera.