Domani l’ultimo doloroso saluto ad Alessandro

Intanto oggi 16 agosto è stata eseguita l’autopsia. La settimana prossima perizia tecnica per risalire alla dinamica del tragico incidente in cui il 26enne ha perso la vita lo scorso 12 agosto sulla Bifernina

Si terrano domani, 17 agosto alle 16, a Campobasso, presso la Chiesa di San Giuseppe Artigiano, i funerali di Alessandro Palazzo, il giovane campobassano deceduto in seguito ad un grave incidente stradale verificatosi verso la mezzanotte del 12 agosto scorso.

Nel pomeriggio di oggi, martedì 16 agosto, all’ospedale Cardarelli, è stata effettuata l’autopsia sulla salma del giovane disposta dal Pubblico Ministero della Procura di Campobasso, dott.ssa Anna Rita Carollo, nell’ambito del procedimento penale per l’ipotesi di reato di omicidio stradale. L’esame, affidato al medico legale dott. Guerriero, ha confermato come il decesso di Palazzo sia stato dovuto alle lesioni riportate in seguito al sinistro, in particolare un gravissimo politrauma toracico che gli è stato fatale. Alle operazioni peritali ha partecipato anche la dott.ssa Natascha Pascale come medico legale di parte messa a disposizione da Studio3A-Valore S.p.A., società specializzata a livello nazionale nella valutazione delle responsabilità sia civili sia penali e nella tutela dei diritti dei cittadini, a cui si sono rivolti i familiari del ventiseienne per essere assistiti, attraverso l’Area Manager Puglia Sabino De Benedictis e con la collaborazione dell’avvocato penalista Fabio Ferrara del Foro di Bari: Alessandro lascia in un dolore senza fine il papà, la mamma, un fratello e due nonni.

Ultimato l’esame e ottenuto il nulla osta alla sepoltura da parte dell’autorità giudiziaria, la famiglia ha quindi potuto fissare la data dei funerali, che si annunciano partecipatissimi: saranno in tantissimi a voler dare l’ultimo saluto a un giovane pieno di vita e di amicizie ma nello stesso tempo grande lavoratore e già diventato, nonostante la giovane età, una colonna dell’attività di famiglia, oltre che stringersi attorno ai suoi cari.  

La Procura, come da prassi ha aperto un fascicolo d’indagine a carico di una sola persona la quale ha dato mandato agli avvocati Mariano Prencipe e Massimiliano Di Grezia per la cura degli interessi legali a sua difesa.

Intanto si apprende che gli stessi inquirenti hanno autorizzato una perizia tecnica che si dovrebbe tenersi la settimana prossima per accertare le cause dell’incidente, l’incarico verrà conferito ad un ingegnere.