Dilaga il contagio a Ripa, mano dura del sindaco: in strada da soli e nei bar stop alle carte da gioco

Continua ad estendersi il cluster si Ripalimosani, paese nel quale oggi sono stati riscontrati ulteriori 8 casi di positività. Un estendersi del contagio che ha costretto il sindaco Marco Gimpaolo ad assumere decisioni drastiche.

“Appena pubblicata – ha scritto il primo cittadino – l’ordinanza n.3 – Divieto Assembramenti. Nel particolare:

1) È fatto divieto assoluto di creare assembramenti in luoghi pubblici e privati. Si è reso necessario tale provvedimento al fine di evitare di diffondere il contagio sia in luoghi aperti e pubblici sia nelle abitazioni private. Il tutto per limitare il propagarsi del virus.

2) Si potrà uscire di casa per svolgere qualsiasi tipo di servizio ma da soli oppure con conviventi e nessun altro.

3) È assolutamente vietato stazionare nei luoghi pubblici se non per fare la fila per entrare alle poste, farmacia, negozi di generi alimentari ed altro. A titolo esemplificativo e non esaustivo, sarà vietato stare seduti sulle panchine in piazza oppure appoggiati alla ringhiera.

4) Si potrà andare anche al bar ma singolarmente (vietato qualsiasi consumo di cibi o bevande in due o più persone) e, sempre nei bar, sarà vietato l’uso delle carte da gioco. L’ordinanza è immediatamente eseguibile e non ha una scadenza. Nel senso che nel momento in cui riterremo opportuno allentare le restrizioni cambieremo l’ordinanza (spero non oltre le due settimane). Ovviamente sono fatte salve tutte le restrizioni imposte sia dal Presidente della Giunta Regionale sia dai vari DPCM. Mi dispiace adottare misure restrittive però sono necessarie al fine di evitare il propagarsi del virus. Purtroppo nell’amministrare una comunità si devono prendere decisioni possibilmente belle ma soprattutto giuste. Questa volta sono giuste… Continuerò fino allo sfinimento di ricordarvi il rispetto delle regole (DISTANZIAMENTO, MASCHERINA e IGIENE DELLE MANI). Cerchiamo e sforziamoci, nonostante tutto, di anteporre i sentimenti di forza e pazienza a quelli di rabbia e isterismo per uscire prima e meglio da questo momento.”