Diga di Chiauci, 29 milioni di euro per il potenziamento

La capacità idraulica dell’invaso di Chiauci salirà fino a 1,2 mln metri cubi acqua. Ventinove milioni di euro per il potenziamento idrico della capacità dell’invaso di Chiauci, sul fiume Trigno, in provincia di Isernia, di cui 25 milioni da parte delle Regioni Abruzzo e Molise e quattro da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, questi ultimi finalizzati all’ulteriore potenziamento strutturale. Il finanziamento del Masterplan, voluto dalla Regione Abruzzo, è stato presentato dal governatore Luciano D’Alfonso. In particolare, quest’ultimo ha illustrato l’impiego dei primi 14 milioni euro sottoposti a procedura di gara per la scelta dei contraenti, che sono tre: il Consorzio stabile Pentagono, l’Ati Edilflorio-fratelli Persia e Florio Giuseppe, e la Tenaglia srl. Il ribasso complessivo ammonta a 1,7 milioni di euro. “Questa e’ una delle opere strategiche che in questi 50 mesi di amministrazione abbiamo contemplato come obiettivo assoluto non negoziabile» ha sottolineato D’Alfonso, durante la conferenza stampa che si e’ svolta nella sede della Regione, in viale Bovio, a Pescara. Sono interventi – ha aggiunto il presidente della Giunta regionale abruzzese – che fanno in modo che l’invaso di Chiauci abbia capacita’ di risposta alle domande di approvvigionamento idrico che vengono poste al Consorzio di Bonifica Sud da parte anche del sistema delle imprese. Un lavoro che si poteva fare 20 anni fa, o anche in tempi piu’ recenti, quando l’emergenza era gia’ nota. Noi abbiamo raccolto il grido di dolore e abbiamo concesso risorse finanziarie mai viste prima, se non ai tempi di Remo Gaspari”. Il presidente D’Alfonso ha poi precisato che, a proposito dei finanziamenti destinati all’invaso della diga di Chiauci, “tutte le risorse sono di provenienza extraregionale e sono state guadagnate attraverso l’attivismo della Regione Abruzzo e della Regione Molise”.

30-6-2018 Roberto Rocco