Declassamento Questura, il senatore Ortis rassicura: «Nessun cambiamento, anzi 44 unità in arrivo»

Lunedì 11 la visita del premier Conte con sindaci e sindacati molisani

«L’arrivo del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte in Molise, previsto lunedì prossimo, 11 febbraio, è la dimostrazione di come questo Governo, da pochi mesi alla guida del Paese, voglia interessarsi da vicino delle piccole realtà come la nostra».

Lo afferma il portavoce al Senato del Movimento 5 Stelle Fabrizio Ortis, spiegando come il premier incontrerà, tra gli altri, tutti i sindaci della regione e i vertici delle associazioni sindacali.

«Si parlerà – così il senatore – della difficile situazione socioeconomica e delle soluzioni che questo Governo sta portando avanti; di spopolamento e carenze infrastrutturali. Non mancherà, sono certo, anche un passaggio sulla questione della sicurezza, tema particolarmente sentito dai cittadini. Il Governo giallo-verde – precisa Ortis – a differenza di chi lo ha preceduto, non intende tagliare i presìdi sul territorio, né depotenziarli. La questione del declassamento della Questura di Campobasso, tanto dibattuta in questi giorni, non comporterà alcun cambiamento per i cittadini: ho avuto personali rassicurazioni dal sottosegretario all’Interno, Nicola Molteni, che la ridefinizione della fascia della questura è solo un qualcosa di tecnico-formale, che tra l’altro cercheremo anche di superare a livello ministeriale, frutto di alcuni indici Istat relativi alle complessità e criticità del territorio di riferimento.

Al contrario, la sicurezza sul territorio aumenterà grazie all’innesto di 44 unità operative – conclude il portavoce pentastellato – individuate grazie alla graduatoria a scorrimento degli allievi agenti della polizia di Stato, cui il Governo farà ricorso per motivi di celerità».

 

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com