D?Apollonio all?esordio in Consiglio: si fa strada l?ipotesi dell?ottavo assessore

Si ? tenuta ieri la prima seduta del nuovo Consiglio comunale di Isernia, inizialmente presieduta dal consigliere anziano Pietro Paolo Di Perna. Dopo la convalida degli eletti, il sindaco Giacomo d?Apollonio ha prestato giuramento con la consueta formula di rito, che prevede la dichiarazione di lealt? verso la Costituzione e le leggi dello Stato e l?impegno ad agire per il bene di tutti i cittadini. Si ?, quindi, passati al successivo punto in agenda, ossia l?elezione del presidente del Consiglio comunale. Alla terza votazione, dopo le prime due che prevedevano una maggioranza qualificata dei due terzi, ? stato eletto, con 19 voti, Giuseppe Lombardozzi, della lista ?Insieme per il Molise?. Lombardozzi, gi? consigliere e assessore in passate amministrazioni comunali, ha preso la parola per ringraziare l?assise e per garantire una responsabile azione democratica e ?super partes? nello svolgimento dell?incarico. Il quarto punto all?ordine del giorno ha riguardato la ?Presentazione da parte del sindaco delle linee programmatiche relative alle azioni e ai progetti da realizzare nel corso del mandato?. Durante un lungo intervento, d?Apollonio ha illustrato ci? che intende realizzare nel corso del mandato. Le sue linee programmatiche includono una grande quantit? di iniziative, in tutti i settori: riorganizzazione dei servizi comunali, edilizia scolastica, riqualificazione dell?area della stazione, raccolta differenziata, manutenzione stradale, borgate, piscina e impiantistica sportiva, universit?, museo del Paleolitico, auditorium. E altro ancora. Subito dopo, il sindaco ha comunicato i nominativi degli assessori che faranno parte della nuova giunta, per i quali firmer? i decreti di nomina la prossima settimana. Saranno sette, quattro uomini e tre donne: Pietro Paolo Di Perna, Cesare Pietrangelo (che svolger? anche le funzioni di vicesindaco), Eugenio Kniahynicki, Domenico Chiacchiari, Emanuela Gugliemi, Maria Antonella Matticoli e Sonia De Toma. Dopo la lettura dei nomi, c?? stato l?intervento della consigliera Rita Formichelli, la quale ha fatto presente che, secondo il dettato della legge Delrio, in una giunta ad otto (sette assessori pi? il sindaco) ?nessuno dei due sessi pu? essere rappresentato in misura inferiore al 40 per cento?; vale a dire che le donne, nel caso della giunta isernina, devono essere quattro e non tre. Questo calcolo di rappresentanza sarebbe stato gi? chiarito da varie sentenze e da una circolare ministeriale. D?Apollonio ha preso atto del rilievo espresso da Formichelli, riservandosi di approfondire la questione e assicurando che la legge Delrio verr? in ogni caso rispettata. Infine, il Consiglio ha proceduto alla elezione della nuova Commissione elettorale comunale, con la individuazione di due componenti per la maggioranza e uno per la minoranza.