Dall’Italia a Termoli per sfidarsi a colpi di traduzioni di greco

Tutto pronto per la 14esima edizione della Gara internazionale che si terrà al Liceo Classico Perrotta

REDAZIONE TERMOLI

Un mondo importante, quello classico, «perché è come l’aria che respiriamo. Senza aria non possiamo vivere e senza il mondo classico non si può comprendere quello che siamo adesso». E’ così che il preside Antonio Mucciaccio ha definito la quattordicesima edizione della Gara intenzionale di Greco Antico che, come da tradizione, vedrà i migliori studenti di greco delle scuole italiane arrivare a Termoli per sfidarsi a colpi di traduzioni e vocabolari. Banco di prova, quest’anno, sarà un brano di Sofocle che i ragazzi, 19 in totale, dovranno tradurre dal greco all’italiano e al quale dovranno affiancare anche una riflessione critica e letteraria con un commento stilistico che possa far rivivere le intenzioni dell’autore nel momento in cui ha scritto quel brano. Sicuramente non una prova semplice per i ragazzi nell’ottica di una manifestazione che nasce con l’obiettivo di «valorizzare la cultura classica – ha affermato la dirigente scolastica del Liceo Classico Gennaro Perrotta, Concetta Rita Niro – perché comprendere il mondo classico significa prendere consapevolezza di noi stessi e capire quello che siamo e cosa dobbiamo e vogliamo essere». Una manifestazione che, da 14 anni a questa parte, ha la straordinaria collaborazione del Rotary Club di Termoli e degli altri Rotary italiani che, di fatto, forniscono la parte logistica e organizzativa dell’evento. «E’ una manifestazione che avviene grazie all’impegno del Rotary – ha affermato la presidente Rossella Travaglini – i club partecipano al bando e sponsorizzato in tutto i ragazzi che vengono per mettersi in gioco». Diciannove, come detto, quelli che arriveranno a Termoli nel pomeriggio di oggi. Domani, invece, l’avvio della sfida vera e propria al termine della quale ci sarà un tour attraverso le bellezze del Molise. «Se il tempo lo permette – ha continuato la Travaglini – saranno portati alle Isole Tremiti altrimenti ci sarà un tour alternativo alla scoperta delle bellezze del territorio visto che l’obiettivo della manifestazione è anche quello di far conoscere il Molise fuori dai confini della regione così come Termoli che ha dato i natali a Perrotta i cui studi sono ritenuti sempre attuali ma che, forse, non era conosciuto neanche dagli stessi termolesi fino a quando non è stata installata la statua in piazza Monumento». La premiazione del concorso, invece, si terrà sabato mattina nell’aula magna del Classico, al primo classificato spetterà un premio di mille euro. Il 4 sera, invece, andrà in scena lo rappresentazione dell’Elettra che vedrà sul palco gli studenti dei Licei Classico e Scientifico uniti nel laboratorio teatrale di Alfateatrum. «Nell’ambito della premiazione – ha proseguito la dirigente scolastica – il presidente della commissione giudicatrice, Carmine Catenacci, terrà una lectio magistralis ai ragazzi e alla cittadinanza. Si tratta una manifestazione importante che ha avuto un grande successo già dalla prima edizione sia per la consistenza dei premi, sia per la tipologia delle prove di traduzione. L’obiettivo – ha concluso Concetta Rita Niro – è quello di valorizzare la cultura classica perché comprendere il mondo classico significa prendere consapevolezza di noi stessi e capire chi siamo e cosa dobbiamo e vogliamo essere». 

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com