Dal nonno vigile al “plastic free”, «questa maggioranza boccia tutto»

Matteo Fallica "bacchetta" l'amministrazione di Petacciato: «Non è un modo di fare utile alla collettività»

REDAZIONE TERMOLI

Nonno vigile, plastic free, cimitero per gli animali e il tasto forse più “dolente” di tutti, quello dell’eutanasia. Sono questi gli argomenti che il consigliere di minoranza al Comune di Petacciato, Matteo Fallica, ha presentato nel corso dell’ultima assise civica. «Ma sono stati tutti bocciati dalla maggioranza», commenta amaramente Fallica che rimarca quanto «la maggioranza continua ostinatamente a bocciare tutte le proposte che arrivano dai banchi della minoranza. Volevo portare in consiglio dei temi che considero di alto valore morale – ha proseguito l’esponente di minoranza – ma sono argomenti che soffrono dell’indifferenza della classe politica». Quattro temi che, quindi, toccavano altrettanti punti della vita di Petacciato a cui c’era da aggiungere la proposta di istituzione della “Bau Beach”, la spiaggia per animali «che non è stata portata in consiglio per problemi tra gli uffici». Fallica, quindi, ha voluto raccontare quello che è avvenuto durante l’assise civica snocciolando, uno per uno, le quattro proposte arrivate all’attenzione della maggioranza. «Avevo proposto l’istituzione della figura del nonno vigile che per me è un esempio di compartecipazione sociale alla gestione del paese che coniuga la buona volontà degli anziani con le necessità della comunità e che era stata proposta assieme a un regolamento stilato con gli amici del Comitato Art21 e composto da sette articoli più una proposta di modulo con cui l’anziano avrebbe potuto rendersi disponibile ma è stata bocciata». Una bocciatura secca è arrivata anche per la proposta che riguardava plastic free. «In un’epoca in cui si parla tanto di ambientalismo all’interno della pubblica amministrazione e dove arriva il no all’utilizzo della plastica da tanti enti anche di diverso colore politico – ha continuato Fallica – il no alla minoranza è un no al progresso civile. Questa amministrazione non ha il coraggio di intraprendere un serio progetto istituzionale che promuova un cammino verso il no alla plastica». Sotto la lente anche la proposta di istituzione di un cimitero per gli animali. Una proposta che nasce dalla consapevolezza che «gli animali sono sempre più considerati come componenti della famiglia e quindi prevedere un’area per le spoglie degli animali era un’idea che coniugava non solo un aspetto affettivo ma anche igienico-sanitario. Io credo – ha proseguito Fallica – che prevedere un’area che celebri la memoria degli amici a quattro zampe significa amare gli animali e non solo pensare a quanto loro amino noi ma anche a quello che noi possiamo fare per loro». Infine il tema forse più scottante dell’attualità italiana: quello dell’eutanasia. «Ero cosciente che avrei toccato un tasto dolente perché è un argomento individuale e che attiene meramente alla sfera individuale delle persone ma si trattava di un appello all’etica pubblica per incentivare quel dibattito parlamentare che manca ed era anche una opportunità per difendere il principio della laicità dello Stato. Aver detto no a questa proposta è l’ennesima occasione mancata per distinguersi da parte dell’amministrazione». Quattro bocciature rispetto alle quali Fallica non può che esprimere un giudizio fortemente negativo. «Il mio ruolo non è mai stato e mai sarà di mera contestazione. Io porterò in consiglio comunale dei valori che credo siano utili per il bene di tutta la collettività e non perderò mai l’occasione per incentivare un dibattito. Purtroppo la maggioranza continua a bocciare tutte le proposte e questo è un segnale anche di debolezza perché sono convinto che questo modo di fare non sia utile alla collettività. Per questo invito la collettività di Petacciato a riflettere su questo»

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com