Da Cerro al Volturno un messaggio di speranza per tante donne vittime di abusi e violenze

Ieri la serata conclusiva di una serie di eventi dedicati alla figura di Romina De Cesare, la giovane molisana uccisa dall’ex fidanzato

Un paesino immerso tra colli e montagne molisane, con un paesaggio meraviglioso, è stato lo scenario di una serie di eventi organizzati dall’associazione AMoCe in collaborazione con l’amministrazione comunale di Cerro al Volturno, per ricordare Romina de Cesare.

Ieri ospiti della serata conclusiva, la responsabile del CAV Liberaluna, Grazia La Selva insieme alla psicologa Emanuela Galasso e all’avvocato Francesca Di Stefano, hanno rivolto alla comunità solidarietà per quanto accaduto, portando la loro esperienza come messaggio di speranza per tante donne che subiscono violenza e che si rivolgono al CAV, trovando sostegno e salvezza.

L’apertura dei lavori è stata affidata al sindaco, Remo di Ianni, che ha ricordato quanto sia importante essere uniti nella partecipazione di azioni di sensibilizzazione alla non violenza. Il borgo antico per l’occasione è stato tappezzato da un’esposizione di foto di Lello Muzio e pensieri dei ragazzi e ragazze del paese. Inoltre l’artista molisano Dario Palumbo, ha allestito uno spazio creando un tunnel da attraversare, che rappresentava la scena di un femminicidio. Per l’occasione è stato realizzato dai ragazzi dell’associazione AMoCe, un murales che raffigurava il volto di Romina de Cesare.