Covid, marito e moglie trattati con gli anticorpi monoclonali. Primo caso in Molise

E’ una coppia di Santa Croce di Magliano, marito e moglie, la prima ad essere sottoposta alla cura con gli anticorpi monoclonali in Molise. Si tratta di una notizia importante per quello che riguarda la lotta al Covid. I due, classe 1948 lui e 1951 lei hanno ricevuto l’infusione di anticorpi monoclonali su richiesta del loro medico di base in un percorso valutato assieme all’Asrem che ha scelto il reparto di Medicina d’Urgenza del San Timoteo di Termoli per la prima terapia di questa natura nella nostra regione. La procedura è stata eseguita dal primario del Pronto soccorso, Nicola Rocchia, assieme alla sua equipe ed è terminata poco dopo le 15 del giorno di Pasquetta per poi attendere il tempo necessario, almeno un’ora, per valutare gli eventuali effetti collaterali che per fortuna non ci sono stati. In Molise sono giunte alcune settimane fa le prime 50 dosi di anticorpi monoclonali il cui utilizzo in fase di insorgenza riesce a bloccare la proteina Spike. Si tratta, come abbiamo detto, di una terapia importante per la lotta al Covid, di pari passo con la somministrazione del vaccino. Gli anticorpi monoclonali sono anticorpi diretti contro un unico antigene e sono fabbricati grazie a tecniche di immunologia cellulare e ingegneria genetica e dovrebbero essere utilizzati entro 72 ore dall’inizio dell’infezione e in ogni caso non dopo i 10 giorni dall’insorgenza della malattia.